Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16152

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Antonio Iacona, "Tra valli e vandee" Recensione di Maristella Dilettoso

di Rassegna Stampa

L’autore è un giovane e versatile giornalista, parte attiva di associazioni culturali come la “Gabriele d’Annunzio”, ma anche scrittore di romanzi, saggi, testi teatrali e raccolte di versi, presente in numerosi premi letterari a carattere nazionale. La sua bibliografia al momento comprende il romanzo d’esordio, Nonostante il silenzio (1999), A metà del cielo (2000), una raccolta di poesie che gli è valsa l’apprezzamento del prof. Santi Correnti, che ha definito le sue liriche “una continua eruzione di immagini, di suoni, di aneliti, di desideri”, a seguire il dramma Lugdunum, liberamente ispirato alla vita e alle opere di Ernst Jünger, uno dei suoi autori prediletti. Nel 2005 è stata la volta del romanzo Santa Cruz, con il quale si è aggiudicato il 1° posto per la narrativa al concorso del Convivio 2010, e il saggio La poesia al potere: cultura e produzione letteraria nella Fiume dannunziana. Infine è del 2010 il romanzo La sposa nera, nel quale si cimenta una volta ancora nel genere noir, rivisitando in chiave moderna il “romanzo gotico”. Il recente volume, Tra valli e vandee, si può intendere come una di quelle pause, di quegli interludi poetici che Iacona va concedendosi, ripiegandosi su di sé, mettendo a nudo il proprio mondo interiore, senza tema di apparire controcorrente, all’occorrenza, pur di restare fedele a sé stesso e ai propri convincimenti. L’autore si spiega, e si confessa, forse, nella Prefazione: “Alla ricerca di una risposta. Forse per questo nascono le raccolte di poesie (…) perché tra valli e vandee? Fino a poco prima della Rivoluzione francese, nel 1789, la Vandea era solo una regione, bella e produttiva, della Francia. Dalla Rivoluzione in poi, è diventata il simbolo di una particolare Resistenza: quella dei conservatori, dei cattolici, di chi crede ancora di poter salvare il proprio mondo (…) Una tendenza ‘controcorrente’ e disperata, ma coraggiosa, allo stesso tempo”. Versi dove si ritrovano sensualità e mistero, strutturalmente consistenti, versi che non è facile analizzare e descrivere senza sminuirli, e dove echeggiano tanti motivi, il mare, che è anche l’ignoto, il viaggio, l’avventura, per approdare alla ricerca di Dio, tema questo ricorrente anche nei romanzi. Importante anche il rapporto amore-odio verso la propria città, Catania, che si scioglie alla fine in un canto indignato e struggente al tempo stesso: Eppure / per me disegni favole / infinite, / imprigionate nei tuoi vulcani / di sabbia. / Ti inspiro ed espiro, / inspiro ed espiro, / liotrudipendente, / amante in pietra lavica. (Questa città). C’è, infine, un fremito di rivolta verso tutto quanto, attorno, è vuoto e avvilisce e degrada l’uomo. Come egli stesso si definisce, Iacona è “In cammino, comunque e sempre… per raggiungere, infine, quelle valli e quelle vandee che chiunque voglia difendere il proprio mondo possiede”.

Antonio Iacona, Tra valli e vandee, poesie, (ed. Aletti, aprile 2011, pp. 66, euro 12,00)

(Maristella Dilettoso, Il Convivio Anno XII – n. 45)


Continua a seguirci su facebook al seguente link
http://www.facebook.com/alettieditore
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti