Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17422

-




12° CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA


PAROLE IN FUGA

entro il 3 maggio 2021

Partecipazione Gratuita!


 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un successo straordinario, tre ristampe nelle prime due settimane di uscita.

Se non hai Amazon scrivi ad:


amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto "ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Recensione a cura di Elisa Davoglio, per Literary, del libro “LE PAROLE RUBATE” di Gianni Calamassi

di Rassegna Stampa

Gianni Calamassi è un autore particolarmente attento alle parole, ai loro molteplici accostamenti e alle sfumature che aggiungono nuovi significati e nuove possibilità interpretative.
Attraverso un lirismo intenso ma non scontato, l’”io” dell’autore gravita in quelle “ombre” che tanto caratterizzano la sua scrittura, attivando quella ricerca emotiva e lessicale che gli consente di motivare squarci di ragione e consapevolezza espressiva sempre più definita e matura.
Gianni Calamassi interroga la sua solitudine con pacata lucidità e sensata ragionevolezza. Lontano da punte emotive e scontati accessi tanto cari ad una lirica più ridondante e illusoria, l’autore sedimenta nella sua riflessione le motivazioni stesse della sua scrittura e della sua necessità.
Nei suoi testi si evidenzia il cammino di un passaggio interiore che prima di ogni cosa – e di ogni esteriore gioco verbale – pretende di svelarsi a se stesso, e di accudire appunto le proprie “ombre”, strumento di conoscenza in cui si raccoglie il più intimo sentire.
“Nel mito che scompare | e scandisce il disincanto | (…) mi confortano | brandelli di oscurità e, | si compierà il miracolo | per sopravvivere all’eternità |(…)” questi due versi interpretano bene a quale oscurità si riferiscano le “ombre” di Calamassi. L’oscurità mitigata dalle forme stesse che la animano e che, nel loro movimento incessante, generano luce e comprensione verso ogni brandello di umano.

Pubblicata su Literary nr. 11/2011

Continua a seguirci su facebook al seguente link
http://www.facebook.com/alettieditore
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti