Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16276

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

“Come briciole sparse sul mondo” il romanzo di Aurora Cantini. Recensione di Sara Stefanini curatrice del Portale vocale "Kaleidoscopia", critica letteraria e del blog "Fanpage"

di Rassegna Stampa

«Ora che nulla di me è rimasto, se non polvere nel vento, vago e mi poso sopra i volti di coloro che sono sopravvissuti e hanno ripreso a vivere. Sono nel cuore dei nuovi nati, che porteranno negli occhi e nel respiro qualcosa di me».

Dalle valli bergamasche alla grande mela in un batter d’occhio. E tutto per colpa di un tipico concorso al quale pensi di non vincere mai. In questo caso, però, non era stata Luisella a vincerlo, ma Iris, la sua migliore amica.
Luisella, trentatre anni, una ragazza semplice, senza pretese, aveva perso i genitori in un incidente stradale a soli due anni e mezzo. A prendersi cura di lei, fu la nonna Irene, che era morta ormai da sette anni. Aveva imparato a convivere con se stessa e mai aveva messo piede al di fuori del suo paesino natìo.
La campagna è piena di emozioni, si sa. E questo romanzo, colmo di attimi rubati alla collina, è pieno di sentimenti forti e sinceri. Spaccati di vita contadini sono alternati alla caotica routine metropolitana.
Dall’aeroporto di Milano Malpensa partì un Boeing 747. Direzione: New York. L’adrenalina era mista a nostalgia, dopotutto ad aspettarla al rientro c’era Raffaele, il vicino di casa, amico d’infanzia. Doveva confidargli il suo amore. E dopo aver visto Ney York, Charleston, Richmond, Washington, Baltimora, Philadelphia, Cambridge, Boston e aver perso lo sguardo nell’immensità dell’Oceano Atlantico «non c’era più posto nel cuore per contenere altre emozioni». Ma le Torri Gemelle sono state per Luisella l’ultimo scenario della sua vita. Valerio, la guida del tour, accompagnando il gruppo di turisti, Luisella compresa, alle torri, spiegava: «Seppur con decine di migliaia di turisti e impiegati che ogni giorno frequentano le torri, in caso di emergenza sarebbe possibile svuotare un’intera torre con 55mila persone, turisti inclusi, in circa cinque minuti». Così non fu, purtroppo. L’impatto con l’aereo fece crollare i corridoi delle trombe delle scale e ogni via di fuga, per chi era in cima, era irraggiungibile. Illudersi, rassicurarsi, non aveva senso. Ma cosa potevano fare se non attendere? Le loro sorti erano appese a un filo. Tutti speravano nei soccorsi, negli elicotteri che circondavano la zona. Ma poco dopo la disperazione divampa e qualcuno comincia a buttarsi nel vuoto per sfuggire alle fiamme.
Aurora Cantini, insegnante e scrittrice, struttura il libro come un diario, scandito dai giorni che passano solenni e incorniciati, qua e là, da versi di poesie. L’autrice ha già pubblicato tre libri di poesie (Fiori di campo, Uno scrigno è l’amore, Nel migrar dei giorni) e il libro di narrativa Lassù dove si toccava il cielo. Insignita di premi e medaglie d’oro alla scrittura, la scrittrice bergamasca con Come briciole sparse sul mondo denuncia anche lo spopolamento dei paesi e delle poche nascite nelle campagne ma anche in montagna. Manca, secondo lei, lo spirito per apprezzare la natura incontaminata e la voglia di capirla. Lavorare nei campi e trascorrere l’inverno in montagna non è una passeggiata, ma questo servirebbe per temprare l’essere umano. Centrale, ovviamente, la tragedia dell’11 settembre che ha sconvolto gli animi di tutti. Luisella è solo una testimonianza immaginaria di quello che realmente è accaduto.
«’Ma noi siamo proprio lì, appena un passo dietro di voi. Ci siamo, ci saremo sempre, respiriamo la vostra stessa vita, soffriamo il vostro stesso cuore, perché noi siamo voi. E un giorno voi sarete con noi. È la sola unica certezza. Andate avanti e siate pronti. Ci rivedremo.’ Luisella».

“Come briciole sparse sul mondo” di Aurora Cantini

«Vago e mi poso tra le pieghe della vita di coloro che sono ritornati a casa portando con sé, tra i capelli, sui vestiti, sulle scarpe, sulla pelle, le tracce di una storia, i minuscoli frammenti di quello che un tempo erano le Torri al centro del mondo».

Spaccati di vita di quegli attimi che hanno segnato la vita di vittime, famiglia e amici. Hanno segnato la storia contemporanea americana e mondiale. Era il cuore pulsante della Grande Mela, era un simbolo del potere economico e sociale americano. L’attentato ha distrutto la dignità di tutti, ma soprattutto ha spezzato vite e stroncato vissuti. Il romanzo è proprio in onore delle vittime dell’accaduto. Ora sono proprio “come briciole sparse nel mondo”. L’America è ancora sotto shock.
Il romanzo è scandito, come in un diario, dallo scorrere dei giorni e delle ore. Spezzato sapientemente da comunicati radio “in tempo reale” e splendide poesie che descrivono le anime delle vittime «Adesso non ho più nome, né casa, la mia voce è dispersa oltre le nuvole, oltre la notte». E immortala anche le vivide sensazioni dei familiari: «Ora che i giorni si perdono come bambini nelle nebbie del giardino, sul guanciale di un uomo rimane solo l’impronta di un corpo, per sempre svanito dietro lo sguardo chiuso».
Dopo le 8.45 di quell’ormai lontano 11 settembre 2001, 90 paesi piansero le 2974 vittime e 24 sono ancora le salme disperse. Resti di ossa non identificate vennero trovate ancora nel 2006. Le due torri ed i cinque edifici del complesso, distrutti. L’autrice, insegnante nelle scuole primarie, poetessa e scrittrice, riesce bene a trasmettere le sensazioni provate e l’angoscia di chi viveva quel tragico momento. Una domenica pomeriggio di metà febbraio del 2011, Aurora Cantini, cominciò a scrivere il romanzo tutto d’un fiato, ispirata dal viaggio della sorella negli States e dalle prime pagine dei quotidiani del 2001. Ha già pubblicato tre libri di poesie (Fiori di campo, Uno scrigno è l’amore, Nel migrar dei giorni) e il libro di narrativa Lassù dove si toccava il cielo. Insignita di premi e medaglie d’oro alla scrittura, la scrittrice bergamasca con Come briciole sparse sul mondo denuncia anche lo spopolamento dei paesi e delle poche nascite nelle campagne ma anche in montagna.
RECENSIONI DI SARA STEFANINI per Come briciole sparse sul mondo di Aurora Cantini

http://www.fanpage.it/come-briciole-sparse-sul-mondo-di-aurora-cantini/

http://www.kaleidoscopia.it/tag/aurora-cantini/

http://www.intopic.it/notizia/3963885/

http://www.youfeed.it/related/1822.2129538-come-briciole-sparse-sul-mondo-di-aurora-cantini

http://www.lamianotizia.com/page/2




Diventa nostro amico su facebook
http://www.facebook.com/alettieditore

Seguici su twitter
http://www.twitter.com/alettieditore


Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti