Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16887

-



Premio internazionale
IL FEDERICIANO XII


Presidente di giuria
Giuseppe Aletti, Dato Magradze,
REDDAD CHERRATI.

SCADENZA PROROGATA
14 settembre 2020

 


TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano

 

*******************************


L'VIII Concorso Letterario

CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500.

Ai primi 10 classificati saranno assegnati trofei e targhe personalizzate.





 
Info sull'Opera
Autore:
EBook Aletti Editore
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

In eBook: la silloge poetica «ER MONNO SBARAZZINO» di Alba Venditti

di EBook Aletti Editore

«Il mondo intero è un bel mondo sbarazzino di cui ho il piacere di far parte, perché si recita a soggetto con tanto divertimento, come se fossimo attori di noi stessi nel teatro della vita, per colorire così la vita grigia di ogni giorno e portarla via con gesti di simpatia. Si aprono quindi, le porte all’umorismo e ad una sana autoironia da cui nessuno vuole più uscire e ne comprendo la ragione: “L’allegria è il segreto di una vita serena”».

(Alba Venditti)


L’autrice è stata inserita nelle antologie Aletti con le liriche: “Dolce attesa” in Parole in Fuga vol. 5 (maggio 2009); “Le luci del crepuscolo” in Parole in fuga vol. 6 (dicembre 2009). Inoltre, sempre nel 2009 è stata inclusa nell’enciclopedia dei poeti contemporanei (Aletti Editore) con la sua poesia “Lacrime”.


***

Dalla silloge «ER MONNO SBARAZZINO» di ALBA VENDITTI riportiamo il seguente componimento:

ER COMPREANNO

Ciavemo ormai la mania de festeggià
‘gni vorta che ce stamo a invecchià
invesce, d’avecce er rodimento drento
che un’artr’ anno è passato
e un novo acciacco cia’ lassato.
Eppoi si festeggi devi pure da ciacca’ li sordi
ecco perché quer compleanno mai più te lo scordi.
Domanno e dico: “Nun se po’ fermà ‘sto compimento d’anno?
Quanti vantaggi caveremmo!!! Innanzitutto, l’eterna gioventù
eppoi er problema nun ce sta più
de decide chi se deve da invità
altrimenti, s’offenne questo oppure quello
e pe’ riportà la pace se deve puro da arbitrà.
Un’artra cosa è la torta che se offre
in segno de gioia da condivide coll’artri,
ma chi l’ha detto io quella torta
la darebbe in faccia ar novo anno
che se ne poteva da annò a passeggià da un’artra parte
invesce de famme invecchià
e pe’ nun penzacce me metto a giocà a carte.
Er compreanno ce comporta sempre ‘na riflessione:
“Me convie’ da riceve li regali se li devo doppo contraccambià
e allora ditemi voi er guadagno perzonale indole sta’?”
Sapete allora che penzo nun faccio sapè niente a nessuno
der compreanno accusì tutti un po’ più giovane me crederanno
e festeggerò con me e l’ombra mia
accosì me sento in compagnia,
ma l’ombra nun me po’ fa’ coll’artri la spia.




Diventa nostro amico su facebook
http://www.facebook.com/alettieditore

Seguici su twitter
http://www.twitter.com/alettieditore
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti
Non sono presenti notizie riguardanti questa opera.