Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15528

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018




PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI MOGOL E ALETTI


 
Info sull'Opera
Autore:
Presentazioni Aletti
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Revere, 15 marzo 2013 - Presentazione del libro di poesie "Topinamour" ( Aletti Editore ) di Chiara Maggioni

di Presentazioni Aletti

Presentazione del libro di poesie "Topinamour" (Aletti Editore)
di Chiara Maggioni,

15 marzo 2013, ore 20.45
a Revere

***
Le libere associazioni di Chiara Maggioni, poetessa in fieri, ieri sera hanno ammaliato il pubblico del Foyer del Teatro Sociale. Per il primo appuntamento delle «Presentazioni letterarie» promosse dal Ctb Teatro Stabile di Brescia, Carla Boroni ha dato voce alla raccolta di poesie «Topinamour» (Aletti Editore, 12 euro), intravedendo in Chiara Maggioni un'autrice dal promettente talento.
Dalla sua penna sono usciti quaranta componimenti tra sogno e realtà, tra poesia e prosa. Fotografie di quotidianità piene di senso, raccontante con grazia, delicatezza, levità. La giovane raffinata autrice, classe 1981, formazione liceale, gioca con le parole sin dal titolo «buffo e impegnativo», come lo descrive Carla Boroni. Ma nel gioco si nasconde verità: «Alla metafora botanica, topinamour è pianta molto vitale - ha spiegato Chiara Maggioni - si fonde la dialettica tra ascesa e discesa dei sentimenti, Top-in-Amour».
E la pianta che tende a volgersi al sole «è invito - dice l'autrice - a guardare oltre le apparenze, verso la luce, penetrando la realtà». Come un tubero penetra la madre terra. Emergono le «corrispondenze» con la campagna mantovana lungo gli argini del Po, dove Chiara è cresciuta. L'autrice fa reagire tra loro le parole come elementi chimici, creando catene di significati e tracce possibili: «Perché nella poesia ognuno trova ciò che vuole. Io scrivo di getto, a volte accosto mentre guido e salvo ispirazioni sul cellulare. Sublimo così ciò che mi accade».
E i fatti diventano verso. L'alienazione da lavoro dell'uomo contemporaneo davanti al pc, da lui inventato, in «Annullamento»: «La pupilla dilatata nel sangue piange onde da monitor scambiandole per il mare».
Il viaggio in treno tra Mantova e Brescia con persone di diverse etnie, allegoria del viaggio della vita, in «Orchestra»: «Per pochi istanti, la forza della rotaia e il finestrino abbassato han mescolato le razze in un tollerante sibilo. Come strumenti non accordati si son risvegliati sbadigli e lingue / forti o lievi appigli di bandiera».
E il graffio più duro è dato non con nero segnaccio ma attraverso «La siepe», immagine (metaforica) di sghemba geografia famigliare, dove i litigi hanno eretto barriere.
«Come carcerati colpevoli consapevoli tra le loro stesse mura / ribelli alla natura che li univa, alzarono la siepe. Ed era una bestemmia dichiararsi guerra proprio là dove tutto pareva più fecondo ai doni della terra». Fotogrammi di una vita nutrita dall'ars poetica. Perché le parole sublimano.

(Alessandra Stoppini, Giornale di Brescia del 31 gennaio 2013)

Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti