Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15528

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018




PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI MOGOL E ALETTI


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Giuseppe Cappello, “Scuola”, Aletti 2012. Recensione di Aurora De Luca sul n. 52 de “Il Convivio” ( Gennaio - Marzo 2013 )

di Rassegna Stampa

Giuseppe Cappello intitola Scuola questa silloge di poesie, di cui alcune sono tradotte anche in inglese. Il titolo non è scelto a caso ma molto esplicativo. Cappello è un insegnante e la scuola rappresenta il suo mondo, il suo tessuto sociale. Attraverso di essa e grazie alla prospettiva che essa gli permette di avere, l’autore osserva lo scorrere della vita, il susseguirsi dei cambiamenti, delle contraddittorietà e delle similitudini che avvengono sempre in modo diverso. Egli è sulla cattedra e l’angolazione è privilegiata per alcuni “scatti”, un po’ esterna per altri. Noi insieme al Nostro passiamo sotto la porta della classe ed entriamo in questa “fotografia” umana e poetica. Una poetica brillante e di dotte e ricche immagini, ci riconduce attraverso entusiasmi vissuti a nostra volta proprio tra i banchi di scuola, ricordi che non mancano di tornare alla mente anche dopo molto tempo. Ecco allora gli scambi di sguardi, i sorrisi complici, le paure sottomesse, i “brusii furtivi dell’amicizia”, tornano ad echeggiare nelle nostre orecchie. Attraverso i versi è facile ascoltare “un’orchestra sinfonica” i cui strumenti vanno accordandosi per i corridoi e si esibiscono nelle aule, con il respiro e il vociare o lo sfogliare dei registri e il muovere delle sedie. “La geometria inorganica del silenzio” è felicemente rotta, sotto “il sole - che - è un concetto condiviso”, “da violini, clarini, contrabbassi, viole e anche un tamburo”; il tutto si sveglia al primo raggio mattutino. “Gli occhi si scambiano parole” dice l’autore e quasi ci sospinge a mantenere il silenzio, così da non turbare i flussi giovanili e irrequieti che vibrano nelle aule scolastiche. “Suona la ricreazione e si sciolgono i ranghi” ma l’autore non smette di osservare, anzi ancora di più si mette a fotografare e attento vede”un continuo prendersi e riprendersi” e sta li a penetrare “nell’iride dei ragazzi lo specchio della secrezione”. Gli occhi del lettore scorrono rapiti tra i versi e quasi divengono essi stessi alunni tra i banchi. Con l’eleganza delle parole Giuseppe Cappello si racconta nelle sue giornate E anche oggi la tela è tessuta / stanco ritorno / Ma pago. Al termine di questo breve viaggio poetico siamo sazi di vibrazioni e i sussulti di anime vagabonde tra le mura di una “Scuola” che è l’inizio della vita.


Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti