Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16162

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

La Gazzetta del Mezzogiorno parla della raccolta poetica “Vaghe lettere di amore e di rabbia” ( Aletti Editore ) di Sandro Marano - Sabato 20 Luglio 2013

di Rassegna Stampa

La Gazzetta del Mezzogiorno parla della raccolta poetica “Vaghe lettere di amore e di rabbia” (Aletti Editore) di Sandro Marano, nell’edizione di Sabato 20 Luglio 2013. Articolo di Leonardo Petrocelli.


Un amore infranto dal veleno della ragione spalanca le porte alla rabbia e restituisce alla coscienza una missione perduta: riannodare il filo spezzato fra uomo e Natura, lasciando che tramonti l’idea, tutta moderna, dell’orizzonte come terra di conquista per la civiltà della tecnica.
È un grido irato da «esule in patria» quello lanciato da Sandro Marano, poeta ed ecologista barese, da anni attivamente impegnato in battaglie a salvaguardia dell’ambiente, nella sua ultima raccolta di poesie «Vaghe lettere di amore e di rabbia» (Aletti, euro 12, pp.58). Una cascata di versi contro il proprio tempo – divisa in due sezioni distinte («Per fare più verde» e «Camminando») ed epilogata dal canto conclusivo «Danza di febbraio» in cui l’autore abilmente si appropria dello stilema che fu di Ezra Pound: raccontare la modernità feroce della speculazione, dell’industrialismo, della finanza, delle banche, ma anche dell’onnipotenza scientifica e tecnocratica, attraverso la delicatezza elegante del verso.
Dondolando «sul mare come sparsi fogli», le liriche di Marano spezzano via i fumi mortiferi di Fukushima, rievocano la tragedia meridionale di Pontelandolfo, si interrogano «sulla vuota retorica che celebrò stragi fraterne» e puntano il dito intonando la più tragica delle accuse: «E voi siete felici?». L’interrogativo è rivolto a tutti coloro che hanno gettato legna nelle caldaie della modernità. I signori della borsa, i mercanti, i politici di destra e di sinistra «mai sazi di grandi opere inutili», gli animatori inesausti del mito-dogma della crescita, ma anche «gli scienziati alacri / chiusi nei loro simulacri / servi della pubblicità». Tutti coloro, insomma, che non ricordano più una verità ormai inconfessabile: non era nostro destino fare «del mondo un grande supermercato» né lasciare che «l’età della plastica» soppiantasse l’età dell’oro.
Eppure questo è esattamente ciò che è avvenuto. Le rotte della storia sono state smarrite, «della Terra nessun più si cura», ogni passo nel mondo alimenta i fuochi di un incontrollato delirio prometeico. E il rifugio del poeta in rivolta non è, e non può essere, solo una sera di maggio ove «non oscura le stelle / l’ingorgo d’auto», ma un luogo così lontano da riuscire a sfiorare l’anima. Perché non ci sono vie di fuga per un uomo nietzschianamente sospeso fra Dio e il nulla, ma solo un ritorno verso se stesso «sulle vette lontane, laddove siedono in esilio gli dèi.»



Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti