Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15521

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018




PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI MOGOL E ALETTI


 
Info sull'Opera
Autore:
EBook Aletti Editore
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

In eBook: "Vincerete sempre" ( Aletti Editore ) di Ornella Mamone Capria

di EBook Aletti Editore

In "Vincerete sempre" (Aletti Editore), Ornella Mamone Capria ci presenta una nuova poetica di impatto emotivo. Non è solo il manoscritto che parla di sé, anche se alla poesia sono affidati i ricordi, i dolori, le sensazioni, ma è il racconto in versi della speranza, quella che serve ai giovani chiamati “ figli miei” per vincere gli inganni della vita, le delusioni, i dubbi con il confronto ragionato e con l’amore. L’autrice nella sua introduzione descrive con intensità il percorso creativo aiutando il lettore a comprendere nell’intimo l’opera.
Scrive nella prefazione Giovanni Sapia, storico-letterato e scrittore del Sud, il verso della lirica d’ingresso corre come torrente impetuoso, ma chiaro, se non limpido. L’impeto è nel verso, gridato, singhiozzato, fratto, precipite e quasi indomabile e indegno di posa e nella prepotenza della parola, che spesso è lama affilata e rabbiosa: “scarica repressa”, ira che “si incastra,/si divincola,/e spesso si ingarbuglia e bisticcia con la rivalsa del voler urlare”; dolore e sofferenza « nodo di rete imbrigliato». Tra rabbia, ira e sofferenza la lirica assegna alla poesia – e l’impeto non impedisce la chiarezza del messaggio – il compito di alimentare affetti e virtù e denunziare alto i veleni dell’animo, le storture, le ironie, le contraddizioni della società. Le liriche che seguono sono lo svolgimento del messaggio enunciato, divise in nuclei, a ciascuno dei quali premette una didascalia illuminante. Ne esce uno spirito lucente, appassionatamente compreso del suo vario ruolo di donna, erede di solidi affetti e bisognoso di trasmetterli, educato al registro delle libertà e insieme a quello del dovere, esperto del dolore e del sacrificio, ma capace di assumerli come lievito di vita, radicato nella realtà del presente, ma rispettoso della religione della memoria, uso a considerare il sorriso, il coraggio, la fede, la speranza strumenti di lotta, il confronto strada della verità, la quiete e la pace antidoto al pensiero della morte; corrispettivi lo sprezzo, il flagello, l’indignazione per i falsi miti, i disvalori, l’egoismo, l’inganno, tutto il turpe e miserevole della vita. Nella varia gamma dei colori emerge per intensità di luce, dominante e quasi onnicomprensivo, quello di una vigile coscienza materna, che, a ben vedere, è all’origine della forza motrice di tutta questa poesia. Complessivamente questa raccolta è una grande tavolozza dell’amore, di quello che S. Tommaso dice amore d’animo rivolto al bene, esteso alla natura nella sua bellezza, forza, prodigalità, e d’altra parte nella sua condizione di spietata sudditanza all’interesse dell’uomo.
Il vario mondo dell’anima, che è insieme del dolore e della forza e della luce, confluisce in una terza sezione, di una sola lirica, che ne è conclusione e sintesi.
Il ricco patrimonio di sentimenti e di affetti vive, cioè, nel segno della parola, nel suo valore lessicale sempre acceso, talora violentato, e in quello della metafora, che la insegue e la tiranneggia.
Qui la metafora è di casa: non ospite saltuario e occasionale, ma veste connaturata, linguaggio nativo. Il rapporto, però, non è uguale e costante, nel senso che talora la metafora si fa spazio nel reale e convive con esso, talora l’opprime e lo scaccia, avida di colore e di luce, ma sempre adattata alla natura dell’oggetto, fino a un realismo crudo da rime petrose (leggi, ad es, Vomito).
Ho detto linguaggio connaturato, ma talvolta si è tentati di cogliervi la coscienza retorica. È il caso di alcune metafore continuate, come nella lirica "Con indosso le scarpe nuove", di sapiente costrutto e di ampio empito educativo, una favola della libertà impetuosa e del recupero dell’assennata saggezza; ovvero nella lirica "Voglio amare", dove tra radici di erba e arnie e api impazzite e raggi di luna s’instaura un serrato colloquio tra l’autrice ed il mondo stolto degli uomini per una ricerca dell’equilibrio e della verità. E sempre sul terreno delle figure stilistiche, s’affaccia la prosopopea, come nella lirica "L’anima di un ulivo", forse fra tutte la più controllata, nella quale il canto della vita, l’amore degli uomini, la forza della natura trovano un intreccio organico in un susseguirsi di chiare metafore.
Ma l’autrice donna e persona morale è, in più, insegnante di scienze della natura e, come tale, non si cela, trasparendo variamente nella lettera e nella metafora. Leggiamo così «il flusso dei gradienti» (Diffusione facilitata); « sfogo catartico delle molecole» (Ho scritto); «chimica della mia vita» , «molecole consenzienti» (L’anima di un ulivo); «talea radicata che si rigenera» (Il punto di partenza); «centrifugate sensazioni», «liganti di ieri e di oggi» (Il sogno); «in danza con gli atomi impazziti» (La congiura del caso e l’amore); «tridimensionalità» dei ricordi (Tridimensionalità volatilizzata); «sequenze tossiche» (Sciocchi) e tutto un lessico della chimica, che nella medesima lirica si dipana in un susseguirsi di immagini: «sciocchi che si legano/ insieme al gradiente passivo/ e incuranti delle concentrazioni/ si infilano nei liquidi,» fino al suo dominio assoluto nella lirica Centro, supportata da una illustrazione tabulare degli elementi e dei fenomeni descritti.
Ornella cede meno all’impeto quando canta l’eterna carità dell’ulivo, (Piange il lamento dell’ulivo) o quando scrive, cantando la natura:

"Voglio amare radici di erba
che sussurrano ai raggi di luna." (Voglio amare),

o al marito, con radiosa tenerezza:

"Ti aspetterò quando
Le setole si fermeranno
ed io e te toccheremo l’aurora." (Ti aspetto),

o alla figlia, domando felicemente la metafora:

"Quando sentirai
il peso delle tue scarpe
lo stridulo di gomma consumata,
nel tuo sentiero
fruga.
Comprimerai la tua corsa,
troverai il sapore della sosta
e sul sasso della ragione
deporrai i tuoi sogni." (Con indosso le scarpe nuove).

Questa raccolta è specchio fedele di una persona genitrice di poesia seducente e persuasiva che non rinuncia all’ispirazione del turbinio interiore.
E "Vincerete Sempre" potrebbe diventare metafora di quanto avviene nella realtà di ciascuno di noi.

Per contatti con l'autrice
ornellamc@libero.it

Il libro è disponibile in eBook a Euro 5,49
Collana "Gli Emersi - Poesia"


Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel















Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti