Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15528

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018




PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI MOGOL E ALETTI


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Sul numero di dicembre della rivista “Azione nonviolenta”, presentazione del libro “De reiectione” di Daniele Taurino

di Rassegna Stampa

Sulla rivista è stata pubblicata la prefazione del libro, scritta da Francesco Pullia, che riportiamo di seguito:

Quella di Daniele Taurino è una poesia asciutta, priva di ridondanze, apparentemente criptica, in realtà significativamente permeata al tempo stesso di sarcasmo e tragicità (quest’ultima attestata
dalla frequentazione, nient’affatto casuale, del greco antico). Questi versi scarni, lapidari, che sembrano usciti dallo scalpello di uno scultore, rovistano e mettono a soqquadro l’armamentario di banalità
che sorregge la “retorica” (con due t come il bersaglio mobile dell’incalzante riflessione michelstaedteriana) vigente. L’autore non si ferma, però, ad una fase decostruttiva. Al contrario, propone e si espone a partire dal misconoscimento dell’autosussistenza dell’io, orpello-pretesto cui gran parte del pensiero occidentale si è appellato nell’erigere un monumento alla violenza antropocentrica. L’io, dice Taurino in sintonia con quanto intravisto da Nietzsche e sviluppato, poi, in ambito filosofico soprattutto nella seconda metà del Novecento, “è dato e popolato da altri”. La maschera dietro cui si cela va strappata e gettata alle ortiche, così come va smantellato, nel segno della compresenza capitiniana (condizione cui tutti, presenti e assenti,
concorrono senza alcuna distinzione), l’assurdo preconcetto che assegnerebbe all’essere umano una presunta superiorità rispetto alle altre specie. Taurino, seguendo l’insegnamento di Aldo Capitini
e, di riflesso, di Carlo Michelstaedter, contrappone ai castelli di sabbia eretti sull’ipocrisia della consuetudine, sulla menzogna spacciata per verità e imposta come univocità da ossequiare, la rivolta della
nonviolenza (da scrivere come una sola parola, per caratterizzarne al massimo la spinta propulsiva), il ricorso al Tu-Tutti in sostituzione al totalitarismo della soggettività vorace, la persuasione (da intendere
sia come autopersuasione, sia come non-accettazione del conformismo).
“Ingenua! l’intelligenza della speranza l’annuncio/di risvegli e primavere/ l’auscultare/partecipe la compresenza?”, si chiede l’autore. E la risposta arriva puntuale, repentina: “No, è l’uomo che solo/non basta”.

Francesco Pullia

Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti