Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15531

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018




PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI MOGOL E ALETTI


 
Info sull'Opera
Autore:
EBook Aletti Editore
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

In eBook: la raccolta poetica “Pianto di stelle” di Salvatore Sciaḷ

di EBook Aletti Editore

È illuminante la nota apposta all’inizio del libro da Salvatore Scialò; non solo chiarisce il significato da attribuire al titolo della raccolta, Pianto di stelle, ma ne suggerisce anche una chiave di lettura, evidenziando quel sottile filo che lega un componimento all’altro. In ognuno si riconosce l’impronta del poeta, quel privilegiare certe tematiche, il suo personalissimo stile.
L’armonia d’insieme è garantita dalla manifestazione costante del disincanto e dell’amarezza per la sofferenza a cui la vita obbliga. Appare, l’infelicità, determinata dalla naturale evoluzione dell’uomo, nel cammino che va dalla gioventù alla maturità, e oltre.
Compito del poeta è, allora, racchiudere il dolore per tutte le perdite subite (la recisione dei sogni, delle speranze, delle illusioni) e affidarlo alla poesia, unica salvezza possibile. Soltanto così il suo pianto non verrà disperso, ma potrà diradare le tenebre della vita; diventare un breve brillio, seppur pieno di mestizia.
C’è, in quest’opera, una concezione meccanicistica della realtà, in cui l’universo raggiunge il suo equilibrio rimanendo impassibile, indifferente alle questioni umane, alle inquietudini e ai tormenti della maturità, ma anche alle speranze e alle illusioni della gioventù. Un universo che non si cura delle pene dell’uomo, e che, anzi, è addirittura sprezzante e cinico nei confronti del destino infelice dell’umanità, come nei versi della poesia Cielo: «Cielo, cielo, / perché offri i tormenti, / offuschi le menti / e recidi i fiorenti? / Tu offri solo il gelo / degli abissi renitenti, / il disprezzo dei viventi / nel fiorire di solventi».
Ecco che, in questa concezione deterministica del nostro inevitabile mutamento, che reca in sé una pena necessaria, la poesia rappresenta quel brillio più duraturo perché ha il potere di prendere tutto il dolore che ci freme dentro e di sublimarlo nella calma dell’arte, come ebbe a dire Antonia Pozzi.
Queste poesie, proprio perché riflettono, più delle altre pubblicate in precedenza, la condizione del cambiamento, che porta con sé le ceneri del passato, sono pervase da un sentimento di struggente malinconia, per qualcosa che si è perduto per sempre, nel percorso che va dall’alba al tramonto. Sono tristi e crude, spesso scarne e asciutte, il verso che si assottiglia anch’esso rappresentando l’amputazione subita, senza rinunciare tuttavia alla musicalità e alla consonanza.
Sono, però, anche intrise di viva dolcezza, laddove ci fanno intendere la bellezza di ciò che non c’è più e il richiamo alla felicità. Un anelito che non si dissolve del tutto, nemmeno di fronte alla consapevolezza della sua irrealizzabilità. «Sulle ali del dolore / ramingo vai per l’etere / alla ricerca d’un fiore / che sciolga le tenebre». (Dalla prefazione di Caterina Aletti)


Il libro (distribuito in cartaceo con la rivista letteraria Orizzonti n.42) è disponibile in eBook a Euro 5,49





Seguici su facebook
http://www.facebook.com/alettieditore

su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

su Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti