Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16152

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

29 Luglio, a Cerveteri - Premio "UN’ORCHIDEA NEL DESERTO" al libro “Gioacchino la statuetta e l’albero fatato” ( Aletti Editore ) e al suo autore Salvatore Uroni

di Rassegna Stampa

29 Luglio, Cerveteri - Un premio per “Gioacchino la statuetta e l’albero fatato” (Aletti Editore) e il suo autore Salvatore Uroni

Il Comitato esaminatore del PREMIO UN’ORCHIDEA NEL DESERTO ha inserito nell'elenco degli autori scelti per il premio, anche Salvatore Uroni, riconoscendo al libro "Gioacchino, la statuetta e l'albero fatato", edito dalla Aletti Editore, sia il valore letterario sia l'alto valore dei contenuti.

La cerimonia di premiazione sarà il giorno 29 LUGLIO 2014 h.21.00, presso la Sala Ruspoli - Piazza S. Maria - Cerveteri (Rm)
dove si terrà la consegna dei premi della prima edizione del Premio "Un’Orchidea nel Deserto”.


*****

Dalla quarta di copertina del libro “Gioacchino la statuetta e l’albero fatato” di Salvatore Uroni


…una terra in pericolo, un bambino, una statuetta, il valore dell'amicizia tra gli esseri umani e tra gli esseri umani e gli animali, un'antica profezia: ci sono tutti gli ingredienti per trasmettere un messaggio di ammonimento ma anche per lasciare una possibilità, quella speranza che in ogni favola, con un lieto fine inaspettato, ci infonde gioia.
Una storia accattivante e coinvolgente dove ogni singola azione, ogni passo avanti, ogni piccola conquista fatta con amore e senso di gratitudine è una conquista di tutti, del mondo intero.
Annunziata Antonazzo
…Alzò gli occhi al cielo e immediatamente notò un grande uccello dalle ali immense, sembrava coprissero tutto il cielo. Lo riconobbe. Era un'aquila con le penne tutte bianche. Volava alta, maestosa. Il suo grido era come un incitamento stridulo, forte fin quasi a ferire l'udito. Teneva gli artigli aperti come se stesse per prepararsi ad attaccare qualcuno o qualcosa. Si stava dirigendo oltre la gola del Bue arrabbiato in direzione della radura dell'albero fatato…

*****
Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti