Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16188

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

“Se chiudi gli occhi”, l’ultimo romanzo di Tina Manzella. Recensione di Piera Maculotti per Gruppo2009.it

di Rassegna Stampa

La capacità di vedere. Ma forse soprattutto quella di guardare… Con gli occhi del cuore o con la testa. Pensare, sentire, immaginare: affrontare il mondo in modi diversi, leggere la vita da differenti punti di vista… Succede nel nuovo romanzo di Tina Mazzella Se chiudi gli occhi (ed. Aletti pp.382 €15). L’autrice bresciana, dopo saggi impegnati sul tema della disabilità – come Voci fuori campo realizzato con la Commissione Pari Opportunità del Comune di Brescia – e l’esordio narrativo col recente D’Autunno, prosegue la sua attività di “contastorie” con un denso, toccante racconto tutto al femminile.
“Viola! … dalla tua nascita hai portato la luce nelle nostre vite” scrive la nonna Antonella alla nipotina, con parole d’amore e di verità perché – da grande – possa conoscere la complessa, aspra storia della sua famiglia.
La vita “è un dono”; che molto spesso è offeso, calpestato: limiti, mali, sfide e fatiche; e a volte troppa assenza e cupa violenza (l’orco maligno non sta solo nelle favole!).
Un arduo cammino che Antonella affronta con pazienza e coraggio, sempre in cerca di luce… Ne ha bisogno; anche per la figlia Paola, vitalissima fanciulla, che sa che la notte “è misteriosa e buia” perché gliel’hanno insegnato; per lei è come il giorno: ai suoi occhi, fin dalla nascita, la realtà è “piatta e incolore”. Un duro dato quotidiano che può diventare insostenibile tormento soprattutto se la sorella Erica si ribella al peso di “quella brutta ciecaccia”!
Ci sono responsabilità, e sofferenze, diverse che il libro racconta con l’efficacia delle parole dette in prima persona: c’è la vibrante narrazione di Antonella a cui si alternano – nella seconda e nella quarta parte della storia – i File di Paola - ansie e paure affidate al computer dall’adolescente non vedente – e, a concludere, una Lettera di Erica, ora donna adulta, lucida e inquieta, tormentata da un doloroso amore, filiale e materno, per Viola… Fili di un intreccio che Tina Mazzella abilmente disegna tra voci vive e temi veri.

Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci Nuova Notizia

Nessuna notizia inserita

Notizie Presenti
Non sono presenti notizie riguardanti questa opera.