Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16152

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

1 Classificato - Libro Edito Narrativa - "L'Oasi" ( Aletti Editore ) di Mauro Montacchiesi

di Rassegna Stampa

Torre del Lago Puccini, 14/12/2014

1° Classificato - Libro Edito Narrativa -
"L'Oasi" (Aletti Editore) di Mauro Montacchiesi

Rassegna d'Arte e Letteratura "Omaggio a Modigliani 2014" Organizzato da "Il Quadrato" e dal Centro Culturale ACAT Torre del Lago (LU)

Con questo nuovo premio, sono ben 12 i riconoscimenti ottenuti dal libro di Montacchiesi

*****

La scrittura di Mauro Montacchiesi, agile e vicina all'oralità, conserva le caratteristiche delle storie narrate a voce con presa immediata su chi ascolta. Il linguaggio è fluente; il tono si fa ironico e sorridente mostrando le qualità stranianti e distruttive del riso, specie nei racconti che narrano il modesto, irrisolto e complicato vissuto di personaggi che, pur diversi tra loro, hanno in comune l'incapacità di vivere o di amare, per naturale inettitudine.
In queste pagine sono esibite le vicende di protagonisti avvinghiati alle personali insicurezze, o schiavi di paranoie e frivolezze, o, ancora, imbevuti di convinzioni che non hanno corrispondenza nella realtà e che, pertanto, si rivelano fallaci illusioni...
Attori di storie marginali, del vivere inconcludente, a volte esentato dai doveri e dalla serietà della vita, essi sono il simbolo di una «vita inquinata alle radici» per dirla alla Zeno Cosini, famosa creatura letteraria di Italo Svevo: se tutta l'esistenza è un affaccendarsi senza scopo intorno ad inutili azioni, allora non resta che accettare la propria dappocaggine, per tirare a campare (come in Marcantonio Bellomo, in Contrappasso).
Questi personaggi, più propensi a relazionarsi con gatti e cani che non con i propri simili, esplicano tutto il loro fallimento esistenziale nell'incapacità di costruire una relazione affettiva, che non sia condizionata dall'opportunismo individuale, dalla vigliaccheria o dall'abulia; e si rifugiano nel mondo intimo, con inevitabile incomunicabilità con l'esterno. A questa tematica, man mano che si procede nella lettura, se ne affiancano altre che arricchiscono di nuovi tratti la mappa semantica della raccolta. Come nel racconto Sulla classica nuvoletta, dove un Cicerone annoiato interloquisce con un netturbino della nostra epoca, e il loro dialogo si intreccia con quello di altri tre illustri: Seneca che parla in latino, Ettore Pretolini che si serve del romanesco ed Eduardo De Filippo che si avvale del napoletano.
Oltre al dinamismo, ottenuto grazie al sapiente utilizzo di più lingue, si apprezza lo sviluppo e l'epilogo della storia: se la vita dell'aldiquà è attraversata da problemi, quella dell'aldilà non è certo migliore, anzi; i personaggi sono tutti pervasi da una malinconica nostalgia nei confronti della vita terrena che, seppure imperfetta, ha il suo fascino indiscutibile.
Infine, la raccolta si conclude con un saggio storico su Caligola, distaccato dal resto del libro, ma forse solo apparentemente, in cui l'autore veste i panni del «cinico apologeta dell'Imperatore», per enfatizzare che l'interpretazione storica non può essere intesa come «depositaria di verità assolute», specie se riferita ad eventi così lontani nel tempo.
Alla genesi dei racconti di questa raccolta, originale e intellettualmente vivace, sembra esserci lo stesso atteggiamento: scandagliare la complessità della realtà. Montacchiesi porta sulla pagina una tipologia di uomini e i rispettivi monologhi sulle loro debolezze, mostrandoci il personale punto di vista di ognuno e sviscerandone i sentimenti, quasi a ribadire che non ci sono ricette per vivere la vita in modo infallibile. «Non meravigliarsi di niente: questo è forse il solo, unico principio che possa rendere felici», come recita la massima oraziana menzionata all'interno del libro.

Caterina Aletti

Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti