Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16958

-



Premio internazionale
IL FEDERICIANO XII


Presidente di giuria
Giuseppe Aletti, Dato Magradze,
REDDAD CHERRATI.

SCADENZA PROROGATA
14 settembre 2020

 


TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano

 

*******************************

XVII Concorso di Poesia d'Amore inedita
"TRA UN FIORE COLTO E L'ALTRO DONATO"

Lascia una testimonianza dei tuoi sentimenti.




Entro il 21 Settembre 2020
Partecipazione Gratuita!

*******************************

L'VIII Concorso Letterario

CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500.

Ai primi 10 classificati saranno assegnati trofei e targhe personalizzate.





 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

“Asthma Lei… e Io” - Intervista all’Autore, Paolo Serafini

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai “Asthma Lei...e Io”?

Risposta - Lei, la patologia, si antepone come maestra di vita. La sfida sta proprio nell’inversione del binomio. Fare in modo che prevalga lo spirito. Il male è del corpo, non dell’anima. Il termine Asthma, deriva dal greco, vuol dire “ansimante” o meglio “colui che ansima”. E ognuno di noi ha il suo affanno, chi più, chi meno. La prima diagnosi dell’asma fu fatta da Ippocrate di Coo nel IV a.C.

Domanda - Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Risposta - La mia infanzia, le persone che hanno lenito la mia sofferenza e altresì come ho vissuto e affrontato Lei, l’asma allergica. La scuola, gli amici, la famiglia, i giochi, i farmaci. Una narrativa di emozioni, paradossalmente, scaturite dalla malattia.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Risposta - Moltissimo. Il libro è autobiografico ma non nel senso ortodosso che abitualmente si attribuisce alle proprie memorie. Più semplicemente, sono frammenti visualizzati il cui intento è la condivisione, seppur parziale, di emozioni comuni. Una rimembranza, ma anche un messaggio di speranza.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Risposta - L’affetto che la famiglia e la prossimità umana mi ha donato. Inoltre, un tentativo, forse goffo, di rendere l’immanenza viva. L’immanenza ci segue, nasce e muore con noi, ma può essere trasmessa. Una testimonianza spirituale per chiunque desideri leggere, sapere.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro “Asthma Lei...e Io”, se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Risposta - Liberatori, pur mantenendo un equilibrio di compostezza con la propria nudità.

Domanda - Quali sono le sue fonti d’ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Risposta - Amo i classici ma non disdegno i contemporanei e gli esordienti che trasmettono nuove emozioni. M’ispiro ai testi ma ancor di più ai fatti della vita quotidiana che sono maestri d’insegnamento.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Risposta - La musica classica, la pittura, alcuni letterati e poeti in particolare ma, potrà far sorridere, anche il rock. Lo considero un romanticismo moderno.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Risposta - Narrativa, tragedie, prosa, cronache, saggi, raramente i romanzi, i gialli mai, ne ho letti così pochi che si contano sulle dita di una mano. Proprio per questo, forse, mi cimenterò a scriverne uno.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Risposta - Sono nato 57 anni fa, classe 1957. Siamo forse alla 5 rivoluzione industriale ma sono cresciuto e mi sono laureato con la carta. Mi regala un sapore affettivo che non riesco ad avere con la tecnologia, pur riconoscendone la grande utilità.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro?

Risposta - È stato un rapporto d’amore, come un primo appuntamento con la donna desiderata. Nel prosieguo, man mano che il libro prendeva forma, un’affettività spontanea, come un’acqua carsica che affiora in superficie.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe “Asthma Lei...e Io” se non lo avesse scritto?

Risposta - Se non altro per capire il disagio e la diversità che qualsiasi malattia comporta, spesso ignorati o più semplicemente non compresi, nella loro empatia. E poi, come ha scritto un lettore nella sua recensione su LaFeltrinelli, avrei l’occasione di leggere due libri in uno. Le note a piè di pagina, parallele alla storia, s’integrano con la letteratura.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene un’anticipazione?

Risposta - Ciò che più mi atterrisce in questo momento è la violenza sulle donne. Non è un luogo comune o una furbizia d’autore. È un dato oggettivo esasperante con un crescendo delittuoso geometrico. Ritengo che chiunque, con l’azione, lo scritto, possa far qualcosa per cambiare le cose. Se deciderò di scrivere nuovamente, sarà un libro sulle donne, sulla loro infinita capacità di amare.


*****
Diventa nostro amico su facebook
http://www.facebook.com/alettieditore

Seguici su twitter
http://www.twitter.com/alettieditore

Canale Televisivo Youtube
http://www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti