Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15544

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018




PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI MOGOL E ALETTI


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Inseguire una passione. Intervista alla poetessa carottese Mirella Massa, autrice del libro "Stonature dell'anima" ( Aletti Editore )

di Rassegna Stampa

Domenica 15 marzo, presso la Sala Consiliare del Comune di Sorrento, presentazione dell'opera.

Conosco Mirella da quando ero poco più di una bambina. Quello che mi ha colpito di lei, da sempre, sono state la grande sensibilità ed il suo bellissimo sorriso che mai l’abbandona. Ritrovarla, dopo diversi anni, scrittrice e poetessa è stata, per me, veramente una grande, bella emozione.
Mirella Massa, nata a Piano di Sorrento nel 1981 con la passione per la poesia e vincitrice di numerosi riconoscimenti letterari, a pochi giorni dalla presentazione delle sue opere, in programma per domenica 15 marzo 2015 alle ore 17:00 presso la Sala Consiliare del Comune di Sorrento, gentilmente risponde alle mie domande:

Domanda - Mirella, dove nasce la passione per la poesia?

Mirella Massa - Fin da bambina adoravo scrivere poesie. Penso che questa passione abbia messo radici silenziose in quegli anni dove l'innocenza guida ogni passo, sguardo, gesto, mettendomi in comunione con tutto ciò che mi circondava: da un fiore ad un uccellino, all'uomo, legandomi con ciò che era bello e meno bello, per poi scoprire che alla fine tutto ciò che scrivevo mi restituiva, fin da allora, il vero senso della bellezza che è proprio nella diversità del mondo. Un mondo che agli occhi dei bambini si mostrava grigio un po’ triste e insieme giallo come la luce calda del sole. Lo scrivere poesie oggi per me è ancora di più un lasciarmi guidare dal getto delle sensazioni provate in un istante, come un pittore che prende il pennello e dà la prima impronta al suo quadro, per poi lasciarmi interrogare, scavare da quell'impronta per dare senso a quella sensazione, per dare vita a quell'istante e trasformarlo, con l'ultimizzazione dell'opera, in un'emozione eterna che sopravvive alla vita stessa. Solo dopo essere diventata madre ho deciso di rendere pubblici i miei scritti. Il pudore che accompagna ogni poesia si è vestito della forza di comunicare ciò che vedo, sento, sfioro per donarlo, perché chi mi legge possa riconoscere la dolcezza delle emozioni che ci uniscono. Non serve sempre e solo incontrarsi con uno sguardo, anche una parola detta o taciuta crea un ponte come può allungare le distanze del cuore. Da qui il desiderio di trasmettere l'emozionalità più scura e più chiara.

Domanda - Quali sono le tematiche che affronti nei tuoi componimenti?

Mirella Massa - Ogni poesia che scrivo è come una finestra aperta sul mondo, da cui si affacciano i miei pensieri come carezze sull'umanità in ogni stagione della vita. È una celebrazione della vita che vive nel respiro dell'uomo, di un fiore, del sole, della pioggia, delle lacrime, dei sorrisi. In quel respiro a volte affannoso, perché affaticato dalla sofferenza, dalla malattia, dall'incomprensione, in quel respiro a volte così chiaro nel suo fruscio quando è in sintonia con la propria essenza. In ogni componimento è vero c'è tanto della mia vita. Citando qualche verso di alcune mie poesie c'è "L'adolescente con un'anima ben pettinata, composta nel suo silenzio quasi a non voler disturbare il mondo"; c'è "La giovane la cui compostezza si colora dell'entusiasmo di educare al gioco, dove educhi ad essere più che a fare", c'è “La sposa nel desiderio di condividere, di raccontare l'amore, una mensa sempre imbandita, perché ogni commensale offre il cuore così come è”, poi c'è la madre che dona tutto senza esitazioni, che trasforma con la tenerezza di una parola ciò che potrebbe far spaventare, far inorridire "imperfettamente quei lineamenti incompiuti" che sono i miei, allora "Buongiorno imperfezione... buongiorno vita" e qui si intravede il mio essere mamma di una bimba disabile, mi piace però usare la parola "speciale". Una mamma che guarda oltre la visione della propria finestra, spinge lo sguardo più avanti, immaginando di trovarsi dietro le finestre altrui, cerca di raccogliere per poi restituire quanto si ferma negli occhi degli altri, nei silenzi, nei movimenti frenetici, ripetitivi, nelle voci stridule, rauche, stanche, nelle voci dolci come usignoli, qui c'è il mio "entrare nell'altro con il solo velo del pudore e sentirne l'odore...". Mi accarezza l'anima quando chi mi legge mi dice poi che si emoziona perché sente suoi quei versi e questo è ciò che desideravo scatenassero le mie poesie. È vero che ci sono io in tutti i miei componimenti, ma il mio “io è pieno dei profumi di chi ho incontrato e incontro”. Mentre scorri le mie parole non ti sembreranno mai le stesse, ma ogni volta ti lasceranno emozioni, sensazioni diverse. Anche piccole stonature. Ma alla fine tutto trova pace, senso nell'unisono che è l'amore, una forza che ci legherà per sempre dal primo vagito, dal primo germoglio fino “all'inchino del fiore”.

Domanda - Dove trovi l’ispirazione?

Mirella Massa - L'ispirazione nasce dall'ascolto di me stessa, dell'altro. Un ascolto che innesca in me emozioni che come ponti creano legami tra il mio vissuto e quello altrui. Mentre viaggio in treno, mentre sono sola a casa, mentre sono in ospedale al Bambin Gesù con mia figlia in compagnia di tante altre famiglie coi loro figli (in particolare i bambini sono l'anima di ciò che scrivo. Ci sono molti richiami all'infanzia quale innocenza che resiste alla malattia, alla guerra, alle separazioni, alla sofferenza) mentre guardo un tramonto, mentre sto alla finestra e incontro uno sguardo sfuggente, un'immagine, una parola che ho sentito, una discussione. Tutto mi entra dentro e mi rimbomba finché i pensieri non armonizzano il tutto restituendomi un verso e in quel verso tutto ciò che mi ha attraversato.

Domanda - Affermi che la tua “anima ha due ali: la musica e la poesia”, in che modo, insieme, musica e poesia, ti aiutano a “spiccare il volo”?

Mirella Massa - La musica e la poesia sono la pelle della mia anima. Il loro è un connubio perfetto: "se il mio respiro è il mio suono, la mia parola è il suono del mio respiro". La musica e la poesia riescono in modo naturale a trasmettere le emozioni più intime senza alterarne la verità, la musicalità dei suoni e delle parole creano un ponte dove la verità di ognuno si incontra con quella dell'altro. Questa verità la vivo ogni giorno con mia figlia che pur non parlando lascia ai suoni vocali e strumentali raccontare le sue emozioni. Questo mi ha spinto a iscrivermi alla scuola di Musicoterapia per capirne di più e poter aiutare non solo lei ma anche coloro che hanno difficoltà emozionali. Oggi le emozioni sono o incontrollabili o troppo tacite, creando disturbi anche psichici subdoli. Quando suono una melodia al pianoforte è come se sentissi un racconto, quando scrivo una poesia è come se sentissi la musica di quelle parole. Anche nel titolo della mia raccolta poetica a cura dell'Aletti Editore "Stonature dell'anima" c'è quest'unione di suoni e immagini per creare una connessione intima con tutto ciò che è dentro e fuori di noi.

Domanda - Dove possiamo leggere le tue poesie?

Mirella Massa - Ho scritto tanto, innanzitutto su internet, alla voce Mirella Massa Poeti troverete tutti gli ebook che ho realizzato a cura della Casa Editrice Pagine acquistabili su Amazon: "Perle d'inchiostro 36”, “Il Mantello", "Sentire 92", "I poeti contemporanei 5-7 autori", "I poeti contemporanei 42", "Il Parnaso 2". Sono visibili anche su internet gli audiolibri e video poesie dove i versi sono esaltati dalle immagini e dalla musica molto evocative. Poi ci sono le mie raccolte poetiche acquistabili in formato cartaceo in tutte le librerie a cura dell'Aletti Editore: “Il Federiciano 2014, libro Blu, autori vari” e "Stonature dell'anima", ultimissima mia raccolta. Mentre a cura di Akmaios edizioni, "L'Antologia di poesie scelte"- Collana di poesia Daphne - Grazie al Dott. Carlo Alfaro, avrò l'onore di vedere presentate le mie opere in un evento da lui curato il giorno domenica 15 marzo 2015 ore 17:00 presso la sala consiliare del Comune di Sorrento."


Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti