Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15534

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018




PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI MOGOL E ALETTI


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Dal "Quotidiano del Sud": Articolo di Agostino Belcastro che parla della poetessa Daniela Ferraro ( 18 Novembre 2015 )

di Rassegna Stampa

La poetessa di Locri, Daniela Ferraro, soprannominata “l’Usignolo della Locride”, non finisce mai di stupire. Ha collezionato altri due riconoscimenti letterari, uno a Torino nel concorso nazionale di poesia “Gli autori dell’anno” e l’altro nell’edizione del IV Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” svoltosi a Jesi (Ancona) con la poesia “A Ferruzzano Superiore”, un paese fantasma del litorale jonico reggino, lasciato da secoli in un colpevole abbandono da parte dello Stato Italiano. È una bella poesia attraverso la quale la Ferraro descrive con versi cadenzati e molto appropriati la solitudine e l’isolamento di un paese che un tempo era la roccaforte naturale che si erge a strapiombo sopra il livello del mare, luogo sicuro per le incursioni dei pirati. Divenuto ben presto, centro fiorente di attività agricole ed artigianali, cominciò a subire le prime rovine in occasione del terremoto del 1783 cui poi se ne aggiunse un altro, ancora più disastroso, nel 1907. Oggi, del vecchio paese, sono rimaste solo le pietre fredde dei fabbricati che guardano tristemente verso il piano e qualche vecchio nostalgico che non lo vuole abbandonare. “Mai pace ha il vento né lo stormir di fronde” recita, tra l’altro, nella poesia Daniela Ferraro, a dimostrare che il paese fantasma di Ferruzzano può essere preso come emblema di una Calabria afflitta da mille problemi e tante contraddizioni che, nonostante gli eventi negativi, lotta disperatamente con tutte le sue forze per proiettare all’esterno un’immagine di efficienza, efficacia ed operosità. La Ferraro è autrice di tre raccolte di poesie (Icaro, Cerchi concentrici al cadere dell’alba, e Piume di cobalto) che hanno riscosso lusinghieri apprezzamenti da parte dei lettori e della critica specializzata perché nei suoi versi c’è l’originalità, la sincerità, la musicalità ed il ricco ed originale tessuto linguistico che suscitano nel lettore la curiosità di leggere, pagina dietro pagina. Le poesie sono una sorta di viaggio nella memoria dell’autrice. La poesia è ricca di significati.

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti