Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 19417

-



VII PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE AL FEMMINILE

MARIA CUMANI QUASIMODO

SCADENZA
28 APRILE 2023

 

 



 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Giuseppe Aletti
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Recensione della raccolta poetica “I Decaduti” di Giuseppe Aletti, a cura della professoressa Marilena Rodica Chiretu

di Giuseppe Aletti

La raccolta di poesie apparsa sotto il titolo "I Decaduti", apparentemente disarmante, sembra una pioggia fredda di parole pure sulla faccia triste e sporca della nostra esistenza. In realtà, il libro è un vero percorso nella “coscienza repressa della società contemporanea”, ma anche una protesta verso un mondo che si lascia sopraffatto dalla banalità e dalla vulgarità contemporanee, viste come “Distese aquatiche,/di pietre gettate/ al vento,-per riempire il mare.”

I temi scelti dal poeta che “diffondono/ il presente,/nella percezione del reale,” sono avvolti nelle sfumature della parola pura, come un’antitesi tra la coscienza del poeta e la realtà con “decadenze armoniose di Nulla” e “i diafani giorni di attesa”. Dunque, la delusione è solo un’arme per lottare contro un mondo che sembra essere solo dei “decaduti”.
“Seduto, consapevole,
qui aspetto
la mia metamorfosi.”
Non vedo dunque, una fatale rassegnazione davanti alla vita e all’arte di vivere, perché “Ombre si agitano/nascoste e danzanti,/in attesa della forma:” Il problema della forma senza fondo, che sembra caratterizzare anche la nostra vita di oggi, è stato spesso il tema prediletto dei più grandi poeti. Sembrerebbe un lamento incurabile, un gioco intellettuale delle parole nell’ambito ermetico del senso, ma si legge tra le righe un impegno poetico e sociale (“Cesserò il respiro/cercando i perché), una lotta contro il tempo e le sue vicissitudini (“Decilinerò il tempo/per un nuovo tramonto./Ogni cosa sarà,
perché è ricordo.”)

L’anima stessa, “in attesa di un alito/trova oasi/in una banchina di sabbia”. Nonostante la fragilità dell’essere, c’è ancora la gioia nell’esistere, come quella dei “corpi diafani/arsi dalla notte”, delle “Speranze sorgenti/in un alito nascosto”, c’è la poesia che dovrebbe urlare la sua presenza, perché una lacrima di armonia dovrebbe esistere in ciascun attimo, in ciascuna anima, cosa o fatto.

Una poesia particolare, che getta un raggio di luce sulle ombre del poeta, mi sembra quella dedicata al grande Cesare Paese, perché mette in risalto il fondamento del pensiero che sta alla base di questo volume, il tormento poetico e sociale che ha fatto spuntare versi di così profonda sensibilità:
“Dov’è l’orgia dei sogni,
l’estasi delle menti,
la felicità promessa?”
Domande retoriche che fanno non solo riflettere, ma anche mobilitare, perché anche le onde “vivono del proprio moto”.

D’altronde, il poeta si definisce da solo nella poesia “Io”, una splendida pagina lirica che mi piace riprodurre interamente, perché è un interessante miscuglio di movimento e immobilità, un autoritratto poetico dipinto con gli elementi classici della natura: foglie, vento, rugiada, luna, mare.

Io

“Sono rugiada,
dispersa,
sui vetri delle case.
Come foglie,
marcite
dal vento portate,
lontano,
nella coscienza del passato.
Vivo.
Sono essere,
a volte
umore.
Sono luna
che giace,
silenziosa,
sullo specchio
del mare.
Sono riflesso
di vita,
senza verità.

Il mio sentire:
Poeta.”

Ecco perché, al di là di una malinconica e fatalista riflessione, sorge la voglia di cambiare, di edificare, di vivere, cogliendo ciò che la vita ci offre di bello, accetando anche la morte come un attimo in cui, dice il poeta, “Mi estinguo nella parola.”, perché la vera vita è quella in cui possiamo dire:
“Ho arso ogni esistenza
Ho colto ogni armonia”.

Prof.ssa Marilena Rodica Chiretu
31 maggio, 2014

*****

Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti