Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16152

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Rosanna Falco, che presenta ai lettori il romanzo “Come l’araba fenice

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai “Come l’araba fenice”? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Rosanna Falco - L’araba fenice è un uccello mitologico, noto per essere rinato dalle proprie ceneri dopo la morte. Io mi sono ispirata al favoloso uccello multicolore, un commento dettagliato del quale lo dobbiamo allo storico greco antico Erodoto. Proprio da lui sappiamo che la fenice era un uccello sacro, che, però, non l’ha mai vista se non in un dipinto. La fenice visita la città egiziana di Eliopoli a intervalli di cinquecento anni; essa giunge dall’Arabia in occasione della morte del suo genitore, porta con sé i resti del corpo del padre per depositarli sull’altare del dio del Sole e bruciarli.
Quanto alla letteratura nostrana, Dante Alighieri descrive la fenice nella Commedia, nel canto XXIV dell’Inferno: che la fenice more e poi rinasce,/quando al cinquecentesimo appressa/erba né biado in sua vita non pasce,/ma sol d’incenso lagrime e d’amòmo,/e nardo e mirra son l’ultime fasce.
Dunque, la fenice muore e poi rinasce dalle sue ceneri. E allo stesso modo Marisha, la protagonista del mio romanzo storico. Sebbene si tratti di una corrispondenza figurata, la ragazzina, a causa di tragiche vicende, muore moralmente e vive in compagnia della solitudine. A perire è il suo cuore, preso a pugni da drammatiche circostanze. È il cuore di Marisha che brucia e di esso non resteranno che le ceneri. Ma i resti del suo cuore saranno più volte ricomposti, grazie all’invincibile forza dell’amore e alle sue molteplici sfumature.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Rosanna Falco - Marisha, rappresenta coloro che, per cause diverse, sono costretti a lasciare le loro terre per giungere, nei più fortunati casi, in posti in cui poter sopravvivere. Quest’adolescente moldava rappresenta numerosissimi sventurati dotati soltanto di un pesante bagaglio di morti, sconfitte e violenze. Marisha è una ragazzina che, in preda alla disperazione, cerca continuamente di rinascere, ma non sarà affatto semplice.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Rosanna Falco - Col mio romanzo ho voluto innanzitutto mostrare che, nonostante esso sia ambientato a Chişinău tra il 1944, quando la Moldavia fu occupata dall’URSS, e il 1991, quando fu trasformata in una Repubblica Socialista Sovietica, la storia ha un andamento ciclico, spesso contrassegnata dagli scottanti temi della violenza e dell’immigrazione, in un’epoca durante la quale la libertà era quasi un miraggio.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Rosanna Falco - Numerosi sono gli autori che ritengo fondamentali nell’ambito della mia formazione, in particolare Plauto, Dante, Hobbes, Beccaria, Manzoni.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Rosanna Falco - Sì, dal punto di vista artistico, hanno influenzato la mia scrittura l’aspetto satirico, irrisorio, rivoluzionario.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Rosanna Falco - Oltre al romanzo storico, prediligo romanzi d’avventura, novelle, racconti fantastici, umoristici…

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Rosanna Falco - Preferisco il libro cartaceo.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro?

Rosanna Falco - Il mio rapporto con la scrittura durante la composizione del libro non è stato costante. Non ho cercato le parole. Sono loro che, quando ne hanno avuto voglia, hanno guidato, divertendosi, la mia mano.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe “Come l’araba fenice” se non lo avesse scritto.

Rosanna Falco - Comprerei il mio romanzo per l’interessante tema trattato e per l’attualità di esso, nonostante il luogo e il tempo in cui è ambientato.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Rosanna Falco - Sì, un altro sogno nel cassetto c’è. Si tratta di haiku, di una raccolta di brevi componimenti poetici, piccole esplosioni di luce.


Collana Gli Emersi - Narrativa
pp.132 €12.00
ISBN 978-88-591-3585-2
Il libro è disponibile anche in versione e-book

Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti