Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15993

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza
3 Giugno 2019
 



PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI QUASIMODO E ALETTI
VENERDI 10 MAGGIO E SABATO 11 MAGGIO
OPPURE
SABATO 11 E DOMENICA 12 MAGGIO 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Nuovo premio a Isabella Horn, per il libro “La Stanza della Luce”, Aletti Editore

di Rassegna Stampa

“La Stanza della Luce” (Aletti Editore) di Isabella Horn ha ottenuto il “diploma d’onore con menzione d’encomio” alla prima edizione del Premio “Michelangelo Buonarroti”.

“La Stanza della Luce” è disponibile in eBook a Euro 4,99.

Dalla quarta di copertina del libro:

Giungere nella Stanza della Luce significa penetrare un luogo dell’anima, una dimensione individuale e cosmica insieme, che si cela inconscia nell’interiorità dell’uomo, mentre trova la propria epifania nel ripetersi ininterrotto dei cicli della natura: qui, dietro il continuo fluire dell’apparenza, si rivela l’essenza stessa delle cose. ‘‘Luce antica dono del drago’’ è la luce primordiale della purezza e della rinascita, è l'accesso alla sapienza originaria, possibile solo attraverso un processo paziente e lento di trasformazione: dall’impermanente, di cui fanno parte il dolore come la gioia, al permanente; dalla caducità delle esperienze vissute al ‘‘canto antico e infinito’’ che rivela l’‘‘arcano’’. È la comprensione del dolore come ‘‘passaggio per…’’ che porta alla luce; è il dolore ‘‘la ferita’’ che dona la veggenza, purché le forze originarie dell’inconscio riescano a sprigionarsi intatte nella magia della danza, nella musica, nella poesia, per esprimere liberamente la propria purezza primigenia. Solo allora può aprirsi improvvisamente quel varco che va oltre la volubilità dell’impermanenza e coglie il senso stesso dell’essere e della vita: il sorriso della maschera di Buddha, ‘‘da nulla più scalfito’’. Cifra stilistica del testo è la musicalità cantilenante, a volte ossessiva, che riproduce la danza, il sortilegio, le forze oscure evocate dal mago, perché attraverso il processo si compia la ‘‘visione magica’’ e ‘‘dal millenario errare,/ desertico, pietroso,/ zampilli l’eterna visione/ dell’acqua della vita’’. (Cristina Morandi)

Seguite le nostre iniziative:

sulla pagina Facebook
www.facebook.com/alettieditore

sulla pagina Twitter
www.twitter.com/alettieditore

e sul canale Youtube
https://www.youtube.com/user/alettieditorechannel

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti