Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15528

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018




PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI MOGOL E ALETTI


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Tiziana Arrigucci, che presenta ai lettori il libro "Angeli, uomini e animali" ( Aletti Editore )

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai "Angeli, uomini e animali"? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Tiziana Arrigucci - Il titolo è un chiaro riferimento alle tre indoli che si mescolano nell’animo umano:
ANGELI: È la nostra sfera SPIRITUALE
UOMINI: È la nostra sfera RAZIONALE
ANIMALI: È la nostra sfera ISTINTUALE; scientificamente siamo esemplari faunistici, vertebrati, appartenenti alla categoria dei mammiferi, specie Homo Sapiens Sapiens.
Sicuramente gli argomenti ricorrenti sono il legame ed il rapporto con il Divino e con la Natura, intesa in senso lato.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Tiziana Arrigucci - Il libro è un gioco in cui la realtà (vale a dire le esperienze di vita) si intreccia con la fantasia (quello che potrebbe essere, ma non è detto che sia). In molti racconti si trovano protagonisti animali che ragionano e parlano e sono, in realtà, gli stereotipi di certe personalità umane.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Tiziana Arrigucci - Non mi sono posta questo fine, sono consapevole di non essere un grande scrittore, il mio libro è un libro leggero, senza pretese di essere ricordato nel tempo come un’opera immortale.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro “Angeli, uomini e animali", se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Tiziana Arrigucci - Indubbiamente l’esperienza è stata più che positiva; dall’iniziare a scrivere con scioltezza, lasciando lavorare la fantasia, alla grande sorpresa di passare una selezione della Aletti Editore a cui avevo concorso per gioco, non con convinzione di superarla, al bel rapporto instaurato con lo staff editoriale in un ambito a me del tutto sconosciuto. Sono felice di aver trovato Editori che si impegnano così seriamente, accompagnandoti per mano come delle bravi ed oneste balie!

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?


Tiziana Arrigucci - Sono da sempre un’appassionata lettrice e in alcuni dei miei racconti ci sono chiari riferimenti a precise opere ed autori:
IL MESSAGGIO: Gabriel Garcia Marquez (UN SIGNORE MOLTO VECCHIO CON DELLE ALI ENORMI)
LA SCOMPARSA DEGLI UNICORNI: La Bibbia (GENESI)
LA SCOMMESSA DEGLI DEI: I grandi poemi omerici (ILIADE E ODISSEA)
ISMAELE: Melville (MOBY DICK); alla ricerca della balena bianca: un cetaceo o un amore adolescenziale impossibile?
PENELOPE: Omero e Nabokov; la mia Penelope è l’esatto contrario della Penelope omerica: tesse trame oscure ed ingannevoli; la figlia giovane che incastra Humbert si chiama Lolita, come il personaggio di Nabokov. Il resto dei racconti non ha riferimenti letterari.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Tiziana Arrigucci - Consapevolmente direi di no; amo molto la pittura e la musica, ma non so dirvi quanto possono aver influito nella mia scrittura, non a livello razionale, per lo meno. Posso dirvi che nella pittura prediligo gli impressionisti, i bizantini, i liberty (penso a Klimt), ma anche Marc Chagall, Frida Calo; non amo l’astrattismo, troppo cerebrale. In campo musicale ascolto molto volentieri alcuni cantautori italiani (il sottotitolo de LA SCOMMESSA DEGLI DEI è ANNA E MARCO, chiaro riferimento alla canzone di Lucio Dalla), Francesco De Gregori, Guccini, Bennato; posso gustarmi anche il rock dei Rolling Stones, i Pink Floid, i Genesis fino ai Metallica (in qualche brano), oppure la musica classica sinfonica (Beethoven, Mozart, Chopin, Bach, Mahler). Sono le diverse colonne sonore che accompagnano le svariate situazioni che mi presenta la vita.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Tiziana Arrigucci - Non sono legata a “GENERI”, come anche in campo musicale o pittorico. Leggo di tutto, dai fumetti d’autore alla Divina Commedia, basta che siano letture che mi lasciano un segno dentro. Ho letto bei libri di fantascienza (Asimov, Orwell, Bradbury etc..) bei libri gialli (da Agatha Christie, Rufus King, Rex Stout, Simenon, Fred Vargas fino al grande Andrea Camilleri o Antonio Manzini), dei magnifici classici ("La Trilogia di Giuseppe" di Thomas Mann, "I Fratelli Karamazov" di Dostoevskij, qualche racconto di Lev Tolstoj, i grandi romanzi di Solgenitsin, Italo Calvino del "Barone Rampante" e di “Se una notte d’inverno un viaggiatore”, Umberto Eco de “Il nome della Rosa” ed “Il pendolo di Faucault”, Nabokov ed infine il grandissimo Bulgakov de “Il Maestro e Margherita", il mio libro preferito); leggo anche saggistica con predilezione per Carl Gustav Jung, Erich Fromm fino al semplice Francesco Alberoni. Sono molto curiosa, in questo campo.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Tiziana Arrigucci - Io sono ANTICA, per cui amo molto il libro cartaceo, quello che sfogli tra le mani, ne senti l’odore e puoi metterlo nella tua libreria e rileggerlo tutte le volte che vuoi (dopo averne spazzati via i ragni!); diventano parte di te, come la tua cucina, il tuo giardino, tutto quello che rispecchia la tua personalità. I miei libri sono per me come le mie mutande, non ne posso fare a meno, anche se succinte… Capisco, d’altra parte, che il mondo moderno viaggia on line, quindi, bene a tutti i mezzi che possono far viaggiare il libero pensiero! Bene l’eBook e bene l’uso dei Social e di internet mirati ad un messaggio positivo e non ai bla, bla, bla insulsi o, peggio ancora, dannosi.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.

Tiziana Arrigucci - Ottimo! Ho viaggiato senza limiti e con tanta soddisfazione. Sto ancora scrivendo, serena e divertendomi.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe “Angeli, uomini e animali” se non lo avesse scritto.

Tiziana Arrigucci - Curiosità: entro in libreria e vedo su di uno scaffale un libro con un titolo italiano, scritto con dei caratteri non lillipuziani, lo sfoglio, vedo che sono racconti brevi, non noiosi, il presso è giusto, lo compro!

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Tiziana Arrigucci - Sì, sto scrivendo un secondo libro con uguale soddisfazione, un libro un po’ diverso dal primo, forse un po’ più meditato, non so… Vi anticipo il titolo: LIBERI AMORI. Sempre Aletti Editore.

Titolo: Angeli, uomini e animali
Autore: Tiziana Arrigucci
Editore: Aletti
ISBN: 8859140455
Pagine: 122
Euro: 12,00


Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti