Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 13985

-


CONCORSO DI POESIA

PAROLE IN FUGA 
POETI DEL NUOVO MILLENNIO
A CONFRONTO 

SCADENZA 8 AGOSTO 2017
 
3° Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

(riservato ai testi inediti ed editi di poesia e narrativa, saggistica, teatro, musica)

SCADENZA
31 luglio 2017


Premio Nobel per la Letteratura 1959
1° Premio Internazionale di Poesia
"Il Paese della Poesia"
(Riservato ai testi editi e inediti di Poesia)


SCADENZA
5 agosto 2017




Il saluto Federiciano dei partecipanti al Festival

 
Info sull'Opera
Autore:
EBook Aletti Editore
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Aldo Antolli - Dopo la tempesta ( in eBook )

di EBook Aletti Editore

Il mondo classico mi ha sempre affascinato! Per qualche anno ho insegnato il latino ma il mio campo è la filosofia di cui sono stato docente in molte università brasiliane e preside della Facoltà di Filosofia in una delle più prestigiose università private di San Paolo, la S. Judas Tadeu. Sempre in Brasile collaboravo settimanalmente col giornale “Folha de São Paulo” con articoli di carattere educativo e filosofico. Tornato in Italia, nella mia città, Trieste, ho aperto ed ancora dirigo il ‘caffè filosofico’ dove, una volta al mese, si discute di vita e filosofia. Assieme a Rainer Weissengruber, coordinatore a livello europeo, stiamo impiantando, sempre nella mia città, un “Centrum Latinitatis Europae”. Alcuni titoli di libri, in collaborazione con Loredana Bernobini, pubblicati dalla Casa Editrice Loffredo: Catullo: l’amore come sofferenza e come gioia; Lucrezio: la liberazione dalle paure; Seneca e Agostino: la ricerca della felicità; Cicerone: la filosofia come norma di vita; Cicerone oratore e politico; Virgilio: l’uomo della pietas; Sallustio: il politico che divenne storico; Cesare: i signori della guerra e la geometria del potere; Tacito: furia e ragione; Orazio o dell’equilibrio.

Della stessa Casa Editrice: ‘Dalle macerie rinasce la vita’, ‘Il Greco di ghiaccio’, ‘Il profumo dei tigli’.

*****

Incipit del libro:

-Non possiamo farcela, gli uomini sono sfiniti- urlò Valerio per farsi sentire attraverso il fragore delle armi.
Si era tirato un momento da parte per farsi medicare una leggera ferita a un braccio, dalla quale però gli stava uscendo parecchio sangue.
-Lo so- rispose Sesto in piedi accanto a lui, pallido, nervoso;- ma Gneo non vuol saperne di ritirarsi-.
-Ma è una carneficina! Ormai è chiaro che la battaglia è perduta. Non ha alcun senso ostinarsi-.
-Conosci mio fratello quanto me e sai bene che non gli importerebbe di sacrificare i suoi soldati fino all’ultimo. Lui non darà mai il segnale della ritirata-.
Valerio scosse la testa; sapeva perfettamente che le parole di Sesto corrispondevano alla realtà: Gneo era sempre stato molto orgoglioso e ostinato, ma in quella battaglia pareva volesse mettere un accanimento che era fuori del comune anche per lui. Da quando le truppe cesariane avevano inferto loro una sconfitta in Africa, a Tapso, l’anno precedente, sembrava ch’egli avesse avuto un solo pensiero, ben fisso nella mente: vendicarsi. Voleva annientare i cesariani. Un odio terribile gli dava forza anche nei momenti in cui tutto andava storto e facilmente avrebbe potuto lasciarsi andare. Gneo, del resto come suo fratello Sesto, aveva sempre militato nelle file dei pompeiani, come tra l’altro era logico aspettarsi dai figli di Pompeo; ma da quando, nel 48 a.C., suo padre era stato barbaramente trucidato in Egitto*, l’odio per il partito avverso era diventato in lui qualcosa di bruciante. Il ricordo della terribile uccisione a tradimento di suo padre non lo abbandonava mai. Il grande generale era stato ucciso appena approdato sulle coste egiziane, dopo la drammatica fuga seguita alla pesante sconfitta di Farsalo. Lì era certo di ottenere un sicuro asilo grazie agli antichi vincoli di ospitalità che intercorrevano tra la sua famiglia e i Tolomei. Ma era stato proprio il giovanissimo Tolomeo, fratello di Cleopatra, a decretare la sua morte, in ciò sostenuto e anzi sobillato dai suoi più stretti collaboratori. Di questa morte Cesare non aveva colpa, ma per Gneo era come se, indirettamente, proprio Cesare e i suoi seguaci ne fossero responsabili. E così, nel tempo, l’odio del giovane era andato via via crescendo.
-----
*Appena sbarcato in Egitto Pompeo era stato subito trucidato in quanto le autorità locali speravano, con tal gesto, di ottenere il favore di Cesare vincitore.

Incipit del romanzo “Dopo la tempesta” di Aldo Antolli, edito dalla Aletti Editore

Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti