Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16898

-



Premio internazionale
IL FEDERICIANO XII


Presidente di giuria
Giuseppe Aletti, Dato Magradze,
REDDAD CHERRATI.

SCADENZA PROROGATA
14 settembre 2020

 


TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano

 

*******************************

XVII Concorso di Poesia d'Amore inedita
"TRA UN FIORE COLTO E L'ALTRO DONATO"

Lascia una testimonianza dei tuoi sentimenti.




Entro il 21 Settembre 2020
Partecipazione Gratuita!

*******************************

L'VIII Concorso Letterario

CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500.

Ai primi 10 classificati saranno assegnati trofei e targhe personalizzate.





 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

"Dal Carabidda in rima", raccolta poetica di Tonino Tuffu, edita dalla Aletti Editore. Recensione di Pietro Cancellu.

di Rassegna Stampa

Per la collana "Gli Emersi - Poesie" dell'editore Aletti, il poeta olianese Tonino Tuffu ha pubblicato il suo primo lavoro intitolato "Dal Carabidda in rima", composto di cinquanta poesie.
Il Carabidda, dal quale il poeta scrive e trasmette le poesie ai suoi lettori, è la splendida cima dolomitica del monte Corrasi che, maestosa e di ineguagliabile bellezza, abbraccia sul lato sud/est il borgo olianese.
Nella sua poesia dal titolo "Quadro Naif", Tuffu contempla questa splendida montagna che "stagliasi immobile... nell'alto maestoso e vibrato celeste argenteo"; che durante il giorno muta il suo colore passando dal grigio chiaro del mattino al rosa pastello della sera, durante il tramonto; che, indefesso guardiano, "nell'impalpabile bruma che fumosa ristagna ai suoi piè" sorveglia le acque sgorgare "nel vano più aperto tra gli ulivati colli e gli umbriachi vigneti" che numerosi punteggiano e adornano l'ampia valle del fiume Cedrino.
In questa sua poesia, come in tante altre inserite nel volume, il poeta esprime una particolare sensibilità ad un profondo amore per la natura che lo circonda, descrivendo ed ammirando la bellezza dei suoi panorami e la salubrità del clima; con particolare meticolosità rileva e condanna ogni azioni che possa deturpare, distruggere o solo minacciare lo splendido territorio che il buon Dio ci ha donato.

(Estratto dell'articolo di Pietro Cancellu, per "L'Ortobene")

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti