Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15528

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018




PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI MOGOL E ALETTI


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Luisella Franca, che presenta ai lettori il libro di poesie “Al vento di Focara” ( Aletti Editore )

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai “Al vento di Focara”? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Luisella Franca - Nel volume “Al vento di Focara”, il vento non è solo un elemento ricorrente, è simbolo stesso di Focara. La sua citazione ha origini lontane, forse in pochi sanno che proprio questo vento, in questo particolare tratto di mare, incontra e si scontra con più correnti, e a volte scatena burrasche mettendo a rischio la navigazione. Lo stesso vento temuto e citato da Dante nella sua Divina Commedia nel XXVIII canto dell’Inferno: “...poi farà sì ch’al vento di Focara...”
Un vento che accompagna la vita di ogni giorno e l’avvicendarsi delle stagioni, un vento carezzevole d’estate, temperato in primavera, gelido e impetuoso quando d’inverno soffia forte da nord.
Io ho immaginato che questo vento abbia una voce, e ad ascoltarla racconta e custodisce pezzi della nostra storia, storie di vita e storie d’amore. Ma solo il vento di Focara non disperde mai ciò che gli viene affidato, ma continuerà nel tempo a custodire e raccontare altre storie.
Non solo il vento, ma anche il mare è l’elemento fondamentale dell’opera, un mare che io ho definito ”il mio mare” proprio perché lo sento parte di me, non posso farne a meno, è mia abitudine ogni mattina osservarlo, scrutarlo e confidargli le mie gioie e i miei affanni.
Nei versi emerge anche un profondo amore per il mio paese, per il luogo in cui abito, per la mia terra, la si potrebbe quasi definire una storia d’amore che dura tutta una vita, e che mi dà forza e ispirazione.
E c’è poi una figura maschile che ha accompagnato tanti momenti e tanti ricordi, mio padre, a lui sono legati i riferimenti del passato, della mia infanzia e adolescenza, che si intrecciano con il presente attraverso i suoi insegnamenti e con ciò che ha lasciato e tramandato.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Luisella Franca - La realtà è la base da cui parte tutta l’opera, realtà attuale e realtà passata.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Luisella Franca - Ciò che va sempre preservato sono le nostre radici, le nostre tradizioni e i nostri desideri.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro “Al vento di Focara”, se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Luisella Franca - A volte è proprio vero il proverbio “non tutti i mali vengono per nuocere”, dopo la perdita del mio lavoro per la chiusura dell’azienda, ho avuto un primo periodo buio, dove dispiacere, delusione, paura si mescolavano, mi sentivo chiusa, inutile, poi ho dovuto rimboccarmi le maniche, dedicarmi alla famiglia che aveva bisogno di me e, nei pochi momenti liberi, ho iniziato a scrivere versi, ricordi e momenti della mia vita, fino a vivere intensamente il luogo magico in cui vivo, circondata da una
natura meravigliosa che mi affascina ogni giorno.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Luisella Franca - La natura intorno a me, il mare, le figure importanti nella mia vita mi hanno suggerito versi appassionati capaci di trasmettere emozioni.
Nella natura stessa, nella sua espressione, trovo elementi per dedicare versi anche ai tanti problemi che affliggono il mondo e la nostra società.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Luisella Franca - Mi piace la pittura, prediligo i pittori impressionisti, ma in genere tutta la pittura mi affascina. C’è stato un periodo in cui ho usato i pennelli, per la maggior parte ho dipinto paesaggi ma mi sono dedicata anche ad alcune riproduzioni, interpretandole poi con qualche variante.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Luisella Franca - Amo molto il romanzo.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Luisella Franca - Mi piace sedermi in poltrona o in un angolo preferito per leggere un buon libro tradizionale.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.

Luisella Franca - Mi sono sentita a mio agio, volevo esprimere ciò che veramente sentivo dentro di me proprio in quel momento, senza pensare a creare versi artificiosi, ma semplicemente essere me stessa.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe “Al vento di Focara” se non lo avesse scritto.

Luisella Franca - Mi incuriosirebbe proprio il titolo, e mi chiederei, cos’è il vento di Focara, cosa rappresenta?

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Luisella Franca - Vorrei continuare se mi sarà possibile, osservando sempre la natura ma ascoltando la voce della mia anima.


Prezzo di copertina del libro: Euro 12

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti