Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16635

-



XV Concorso di Poesia Inedita Dedicato a...

SCADENZA
il 21 marzo 2020
(Giornata Mondiale della Poesia)

 

Partecipa alle celebrazioni per la
Giornata Mondiali della Poesia

Sabato 21 marzo e domenica 22 marzo

SEMINARI SULLA SCRITTURA POETICA
ISCRIZIONI A NUMERO CHIUSO

"Investire sulla formazione rafforzerà la tua unicità" - Giuseppe Aletti -


 

*******************************


L'VIII Concorso Letterario

CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500.

Ai primi 10 classificati saranno assegnati trofei e targhe personalizzate.





 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

“La Stanza della Luce” ( Aletti Editore ) di Isabella Horn è finalista al Premio Città di Taranto.

di Rassegna Stampa

“La Stanza della Luce” (Aletti Editore) di Isabella Horn è finalista al Premio Città di Taranto.

Dalla quarta di copertina:
Giungere nella Stanza della Luce significa penetrare un luogo dell’anima, una dimensione individuale e cosmica insieme, che si cela inconscia nell’interiorità dell’uomo, mentre trova la propria epifania nel ripetersi ininterrotto dei cicli della natura: qui, dietro il continuo fluire dell’apparenza, si rivela l’essenza stessa delle cose. ‘‘Luce antica dono del drago’’ è la luce primordiale della purezza e della rinascita, è l'accesso alla sapienza originaria, possibile solo attraverso un processo paziente e lento di trasformazione: dall’impermanente, di cui fanno parte il dolore come la gioia, al permanente; dalla caducità delle esperienze vissute al ‘‘canto antico e infinito’’ che rivela l’‘‘arcano’’. È la comprensione del dolore come ‘‘passaggio per…’’ che porta alla luce; è il dolore ‘‘la ferita’’ che dona la veggenza, purché le forze originarie dell’inconscio riescano a sprigionarsi intatte nella magia della danza, nella musica, nella poesia, per esprimere liberamente la propria purezza primigenia. Solo allora può aprirsi improvvisamente quel varco che va oltre la volubilità dell’impermanenza e coglie il senso stesso dell’essere e della vita: il sorriso della maschera di Buddha, ‘‘da nulla più scalfito’’. Cifra stilistica del testo è la musicalità cantilenante, a volte ossessiva, che riproduce la danza, il sortilegio, le forze oscure evocate dal mago, perché attraverso il processo si compia la ‘‘visione magica’’ e ‘‘dal millenario errare,/ desertico, pietroso,/ zampilli l’eterna visione/ dell’acqua della vita’’. (Cristina Morandi)

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti