Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16439

-



4° Premio Letterario Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

Sezioni: Poesia, Narrativa, Teatro, Saggistica e Musica

Scadenza 27 Dicembre 2019
 

Grande novità

nuova masterclass Mogol e Aletti




SCADENZA
11 Gennaio 2020

*******************************

IV CONCORSO
di poesia

"IL TIBURTINO"
GRATUITO



SCADENZA
8 Gennaio 2020

Grandi riconoscimenti per i finalisti:
Premi per i primi 10 classificati e una pubblicazione monografica gratuita con servizi professionali del valore di 1950 euro.

INVIA ORA LE TUE POESIE

 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

“La Stanza della Luce” ( Aletti Editore ) di Isabella Horn è finalista al Premio Città di Taranto.

di Rassegna Stampa

“La Stanza della Luce” (Aletti Editore) di Isabella Horn è finalista al Premio Città di Taranto.

Dalla quarta di copertina:
Giungere nella Stanza della Luce significa penetrare un luogo dell’anima, una dimensione individuale e cosmica insieme, che si cela inconscia nell’interiorità dell’uomo, mentre trova la propria epifania nel ripetersi ininterrotto dei cicli della natura: qui, dietro il continuo fluire dell’apparenza, si rivela l’essenza stessa delle cose. ‘‘Luce antica dono del drago’’ è la luce primordiale della purezza e della rinascita, è l'accesso alla sapienza originaria, possibile solo attraverso un processo paziente e lento di trasformazione: dall’impermanente, di cui fanno parte il dolore come la gioia, al permanente; dalla caducità delle esperienze vissute al ‘‘canto antico e infinito’’ che rivela l’‘‘arcano’’. È la comprensione del dolore come ‘‘passaggio per…’’ che porta alla luce; è il dolore ‘‘la ferita’’ che dona la veggenza, purché le forze originarie dell’inconscio riescano a sprigionarsi intatte nella magia della danza, nella musica, nella poesia, per esprimere liberamente la propria purezza primigenia. Solo allora può aprirsi improvvisamente quel varco che va oltre la volubilità dell’impermanenza e coglie il senso stesso dell’essere e della vita: il sorriso della maschera di Buddha, ‘‘da nulla più scalfito’’. Cifra stilistica del testo è la musicalità cantilenante, a volte ossessiva, che riproduce la danza, il sortilegio, le forze oscure evocate dal mago, perché attraverso il processo si compia la ‘‘visione magica’’ e ‘‘dal millenario errare,/ desertico, pietroso,/ zampilli l’eterna visione/ dell’acqua della vita’’. (Cristina Morandi)

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti