Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17806

-




XXII CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA

“HABERE ARTEM”

SCADENZA
29 OTTOBRE 2021


 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Aletti Editore
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Marco Anselli - Poesie per la fine del mondo

di Aletti Editore

Avidyā

Avidyā è una parola sanscrita, l’antica lingua sacra dell’India, che significa letteralmente ignoranza, conoscenza imperfetta. La parola viene formata a partire dalla radice vid, ‘conoscere’, ‘percepire’, a cui viene aggiunto il prefisso privativo a-.
Ignoranza è tutto ciò che fa parte della grande illusione di un Io personale. Ignoranza è il velo che riveste di sé la creazione, la vita, il mondo fenomenico e la manifestazione. Ignoranza è la prigione in cui noi decidiamo, giorno dopo giorno, di auto-esiliarci; non siamo esseri liberi. La nostra mente, centrata sull’illusione di un “me” e di un “mio”, ci incatena al ciclo delle continue reincarnazioni, ci impedisce di vedere l’Infinito e l’Eterno da cui procede ogni cosa. Non esiste coscienza individuale; tutto è impersonalmente Sé.

Marco Anselli (Milano, 1987), studioso di dottrine orientali e lingua cinese, comunicazione, linguistica. Da sempre amante della letteratura e della poesia, ricomincia a scrivere di recente (nel 2013) riprendendo un discorso stilistico e – soprattutto – tematico, che aveva già iniziato ad approfondire in alcuni versi giovanili. Nei suoi componimenti indaga il rapporto contraddittorio e problematico tra realtà e illusione, tra tempo e a-tempo, tra istantaneo ed infinito, ricorrendo spesso alle categorie gnoseologiche dell’induismo del Vedānta e del daoismo. Tra le sue principali influenze, si annoverano la Bhagavadgītā, i poeti italiani (in particolare Leopardi, Foscolo, Ungaretti, Saba, Quasimodo, Montale e d’Annunzio) e francesi (in special modo i decadentisti), H. P. Lovecraft, Laozi.



Collana Gli Emersi - Poesia
pp.64 €12.00
ISBN 978-88-591-4013-9
Il libro è disponibile anche in versione e-book


Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti
Non sono presenti notizie riguardanti questa opera.