Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16286

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista ad Alessio Magoga, che presenta ai lettori il libro “Appunti di una rinascita” ( Aletti Editore )

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo. Come mai “Appunti di una rinascita”? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Alessio Magoga - Rileggendo questi appunti, mi pare che il tema dell’amore e quello della morte si impongano all’attenzione del lettore. Non si tratta di un progetto voluto o di una scelta consapevole. Ma il tema centrale che dà una sostanziale unità al tutto è quello della rinascita: la vita che si apre e sboccia o la resurrezione che porta di nuovo vita lì dove si vede desolazione. Mi pare che tutto si lega: per rinascere bisogna passare attraverso l’amare e il morire.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Alessio Magoga - Molto. In questi appunti racconto qualcosa della mia personale rinascita, avvenuta nel corso del tempo, grazie soprattutto ad alcuni incontri “provvidenziali” e grazie anche al passare degli anni, che mi ha permesso di cogliere con più lucidità i passi fatti… Gli “appunti” esprimono sentimenti, emozioni e intuizioni nati dal contatto vivo con le persone che ho incontrato nel mio ministero. Sono esperienze mie e spesso di altri, dentro le quali vedo riflesso qualche aspetto di me e del mio vissuto: dalle relazioni con le figure parentali, al mondo affettivo, all’esperienza di fede e di preghiera, sino al tema della morte... Questo microcosmo, che ho avuto il dono di intercettare nei racconti delle persone incontrate, parla di loro ma anche di me e spero di tutti…

Domanda - La scrittura come valore testimoniale. Cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Alessio Magoga - Ero un po’ incerto se pubblicare o meno questi scritti. Ci ho pensato a lungo. Poi mi sono deciso. Mi ha convinto il fatto che si parla di esperienze positive: questa raccolta è una testimonianza del fatto che rinascere, riconciliarsi, riscoprire il bello della vita… è sempre possibile. L’incontro con gli altri e le loro esperienze di rinascita mi hanno aiutato ad apprezzare il bene – a volte inaspettatamente tanto – che mi circonda. Mi auguro che questi “appunti” possano aiutare anche i lettori a fare dei passi di rinascita ed a riconoscere il Bene – grande e abbondante – che, pur nelle fatiche della vita, viene incontro a ciascuno di noi. Per questo li ho scritti e per questo voglio lasciarli in eredità…

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro “Appunti di una rinascita”, se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Alessio Magoga - La scrittura di questi “appunti” ha una genesi molto lontana nel tempo. Iniziai a scrivere qualche verso su un quaderno, che conservo ancora, già durante gli ultimi anni della scuola superiore… Poi, ci fu un lungo silenzio di venticinque anni e solo recentemente la ripresa! Un arco temporale enorme, in cui molte esperienze, scelte, avvenimenti hanno segnato la mia vita... Di quanto scritto in gioventù ho conservato solo un testo – quello di apertura – che esprime uno stato emotivo di grande tensione ed insofferenza. Poi ci sono gli altri “appunti”, che traggono origine dal mio ministero pastorale più recente. Potrei isolare il primo e l’ultimo di questi “appunti”: come se quello che sono oggi, riguardandosi indietro, dicesse al ragazzo di allora di non aver timore e che la vita vale la pena viverla.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione (altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale)?

Alessio Magoga - La mia scrittura è molto “artigianale”. Non ho scrupoli a confessarlo. Non credo di poter trovare paralleli con poeti degni di questo nome. Certo, ho alle spalle la formazione umanistica di un liceo scientifico, che mi fece appassionare per i classici latini. E poi le letture accumulate nel corso degli anni: dai classici greci sino ai poeti del ‘900 italiano… Il tema della poesia mi ha sempre incuriosito. Se questo interesse non è mai venuto meno, lo devo anche a tanti autori locali che ho incontrato e che facevano – e fanno – delle buone poesie… Mi hanno mostrato che si può scrivere qualcosa di dignitoso e di bello anche dalle periferie.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Alessio Magoga - La musica, i cantautori italiani in particolare… Nelle canzoni ho spesso trovato dei versi o delle frasi efficaci, utili a far pensare e riflettere. Poi c’è tutto il mondo della teologia e della Bibbia, che considero un retroterra familiare…

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Alessio Magoga - Scrivo in un un settimanale e a volte scrivo qualche breve contributo su delle riviste specialistiche di teologia medievale. Sono generi letterari molto diversi, che tuttavia amo molto. Scrivere da giornalista mi costringe a conoscere e riflettere su quello che accade oggi. Scrivere di teologia – e di teologia medievale – mi chiede di volgermi indietro, verso un mondo affascinante, dal quale proveniamo… Sento importanti per me sia l’uno (il presente) che l’altro genere (il passato).

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Alessio Magoga - Sono ancora legato al libro cartaceo: sì, senza alcun dubbio!

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro?

Alessio Magoga - La scrittura per me è una realtà piuttosto familiare. Tuttavia, scrivere queste brevi composizioni è stato diverso perché da un lato mi ha chiesto di toccare aspetti profondi di me. Dall’altro, questo sforzo si è rivelato a sua volta motivo di rinascita. Insomma, ho scoperto la scrittura come strumento di guarigione, che infonde serenità. Alcuni parlano del valore “terapeutico” della scrittura: senza considerarmi un malato, credo di aver fatto esperienza di qualcosa del genere.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe “Appunti di una rinascita” se non lo avesse scritto.

Alessio Magoga - Perché è un libro agile e di facile lettura ma soprattutto perché consegna al lettore un messaggio positivo e infonde speranza: rinascere è possibile sempre.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene un’anticipazione?

Alessio Magoga - Mi piacerebbe dare continuità a questi “Appunti” con una seconda raccolta. Sto già scrivendo e mettendo a parte degli scritti. Ma vedremo… Vorrei che fosse qualcosa di utile e costruttivo per il lettore e non un “bip-bip” narcisistico attorno a se stessi, come una volta una persona amica descrisse alcune pubblicazioni. Dovrò esser convinto di questa obiettiva possibilità. Attualmente sto anche curando l’edizione critica di un testo medievale: lo scritto di un monaco del XII secolo. Ma questo è un altro discorso!

Prezzo di copertina del libro: Euro 12

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti