Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 14582

-



IV Concorso Letterario

CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

PRESIDENTE DI GIURIA MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500

SCADENZA 8 GENNAIO 2018

 

2° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo
(riservato ad autori e autrici di testi inediti ed editi
di poesia, narrativa, saggistica, teatro, musica)



SCADENZA
18 dicembre 2017




Presidente di giuria Alessandro Quasimodo

 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista ad Andrea Larosa, che presenta il libro “Aforismi, poesie, riflessioni, ed altro” ( Aletti Editore )

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai “Aforismi, poesie, riflessioni, ed altro”? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo romanzo?

Andrea Larosa - Ho scelto questo titolo proprio perché il libro contiene molti aforismi su temi molto profondi, come la libertà, l'intelletto, e la nostra stessa vita, il tempo, ecc, ecc, ecc, e poi ci tengo a precisare una cosa: molti dei miei aforismi sono veri e propri concetti filosofici (oggi è assai difficile leggerne!), mentre invece per le poesie posso semplicemente dire che sono poesie molto sentite e che arrivano dal più profondo, e, come per gli aforismi e le riflessioni, i testi delle mie poesie parlano d'amore, e la poesia arriva a me per ispirazione, la cerco nelle cose che mi circondano, nella libertà che mi regala tutta la sua grandezza, e tutto il suo immenso, e la sua infinita semplicità riguardo alle riflessioni. Beh! posso dire che, dopo attente analisi e ricerche, e dopo essermi documentato a fondo su gli argomenti da me trattati, giungo a tali riflessioni e conclusioni..

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?
Andrea Larosa – Beh, posso dire che la realtà ha inciso molto nella scrittura, la realtà mi induce a scrivere quello che i miei occhi vedono e le mie orecchie sentono, quello che il mio cuore prova, e quello che il mio animo avverte.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall'oblio del tempo con questo suo libro?
Andrea Larosa – Sicuramente il valore della libertà, in tutte le sue forme. L'amore per mia figlia, e parte del mio libro, il mio caro zio e comandante, ormai defunto: lo ricordo sempre, e l'ho voluto portare con me in questo libro. Lui, per me, è stato un vero maestro di vita, e devo solo ringraziare lui, se oggi sono appassionato alla letteratura, all'arte, e a ogni forma di cultura, e di sapere, e ho voluto ringraziarlo, e ricordarlo, dedicandogli una poesia.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro “Aforismi, poesie, riflessioni, ed altro”, se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Andrea Larosa – Ricordo tutto con piacere: raggiungere la pubblicazione, significa essere arrivati ad un traguardo.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Andrea Larosa – Le mie fonti di ispirazione, le trovo nella purezza delle cose che mi circondano, nello scorrere di un fiume, in un tramonto, nella vita, nell'amore. Come osservo nel libro. La mediocrità e la falsa informazione.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Andrea Larosa – Nella mia vita, ho letto milioni di libri, e molti li ricordo a memoria, e sono un profondo conoscitore e ammiratore della Divina Commedia di Dante Alighieri, opera di cui conosco buona parte a memoria.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Andrea Larosa – Certo posso dire che Dante mi ha trasmesso il senso e il valore della poesia. Dopo di lui, potrei citare molti altri poeti che ho letto, e che leggo con piacere, Goethe, Pablo Neruda, Alda Merini, Salvatore Quasimodo, Bukowski e Pasolini. Questi poeti che ho appena elencato mi hanno trasmesso il senso della poesia, e dell'arte di esporla, di viverla, e di scriverla. Poi, per quanto riguarda la mia cultura personale, certamente potrei citare Alberto Moravia, Pirandello, Umberto Eco, ma ce ne sono tantissimi, perché la cultura e il piacere della lettura, ormai è un valore che ho, e che non perderò mai nella vita, bisogna sempre cercare di elevarsi, culturalmente e intellettualmente, e di crescere. Poi i sentimenti, come l'amore per mia figlia, l'amore per la mia donna, e l'amore e il sentimento per tutto ciò che appartiene, solo a noi, ed è la nostra vita, e la nostra libertà.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Andrea Larosa – Non proprio influenzato, mi hanno trasmesso il fascino di tramutare in scrittura le sensazioni, e le idee, che la nostra vita ci regala.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?
Andrea Larosa – Oltre al mio genere, mi piacciono molto anche i romanzi dove l'autore narra una storia che potrebbe essere anche vera, con la sua fantasia, ed ho scritto anche due romanzi, col frutto della mia sola fantasia.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?
Andrea Larosa – Certamente, il libro cartaceo.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro?

Andrea Larosa – Durante la composizione del libro, il mio rapporto con la scrittura è stato un rapporto speciale, fatto di sentimenti, ma anche molto di ragionamento e di impegno, a tutto ciò che scrivo.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe “Aforismi, poesie, riflessioni, ed altro” se non lo avesse scritto.

Andrea Larosa – Potrei elencarne tanti motivi per i quali comprerei il libro, ma ne elencherò solo qualcuno, e inizio col fatto che è un libro da me scritto, ma da me vissuto.
Poi senza peccare di presunzione, gli aforismi che troverete nel libro sono veri e propri concetti filosofici, semplicizzati nella maniera più eloquente, dove usando poche parole si spiegano temi molto profondi e interessanti. E posso affermare che, ai nostri giorni, è sempre più difficile leggere dei veri aforismi. Mentre invece, per le poesie, sono fonte della mia ispirazione; la sento nascere, e crescere in me! Ed io le do voce.
Quindi acquisterei il libro perché ne vale proprio la pena; i soldi, spesi per la cultura, per un bel libro, per un nuovo autore, sono soldi ben spesi, ci danno sempre qualcosa che serve ad arricchire la nostra personale cultura.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Andrea Larosa – Sì ho molte opere in progetto, per il momento da poco ho terminato un altro libro di poesie, e aforismi, ne ho scritti altri due di poesie e di aforismi, ed entrambi hanno ottenuto la pubblicazione. Sono autore anche di due romanzi, “A costo della vita”, che anch'esso è stato pubblicato di recente, e di un altro romanzo che ancora è inedito.
Voglio ringraziare la Aletti Editore per aver pubblicato il mio primo libro, e molto probabilmente ce ne sarà un altro.
E ringraziare voi lettori, dicendovi di non perdere mai il piacere e il gusto della lettura: quando si legge, e si scrive, la nostra mente diventa sempre più aperta, e arricchiamo il nostro bagaglio culturale.

Grazie, e ancora grazie, e vi consiglio di leggere il mio libro.




Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti