Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15286

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 



PARTECIPA AL LABORATORIO
DI SCRITTURA IN POESIA E TESTI DI CANZONI
DI FRANCESCO GAZZÈ E GIUSEPPE ALETTI

TEATRO TRASTEVERE DI ROMA
SABATO 27 E DOMENICA 28 OTTOBRE
OPPURE SABATO 3 E DOMENICA 4 NOVEMBRE

 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Rita Scarpelli, che presenta ai lettori il libro “Č PASSATO” - Aletti Editore

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai ha scelto “È PASSATO”? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo romanzo?

Rita Scarpelli - La scelta nasce dalla esigenza di sottolineare ai lettori quanto sia stato impegnativo il cammino fatto dai personaggi nel corso della storia narrata: È PASSATO vuol significare che le modalità di relazionarsi di un tempo non possono esistere più, anche a causa della connessione globale ma anche che la percezione attuale della vita è più consapevole e che taluni nodi sono stati finalmente sciolti.
È una storia che parla di comunicazione globale e di solitudine, ma anche di legami e di libertà: la rappresentazione delle dinamiche relazionali ai nostri giorni.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso sulla scrittura e sull’intreccio narrativo?

Rita Scarpelli - Notevolmente… tutto è nato dall'utilizzo dei Social e dalla circostanza del ritrovamento virtuale di alcune vecchie amicizie che avevano segnato gli anni della mia giovinezza.

Domanda - La scrittura va interpretata anche come valore testimoniale: cosa ha voluto salvare e custodire dall'oblio del tempo con questo suo libro?

Rita Scarpelli - Il significato fondamentale dell’amicizia che mantiene inalterato il suo valore assoluto, non comparabile in nessun modo con i contatti che si possono avere sui social network.
E la potenza della solidarietà che è in grado di far germogliare, soprattutto nell'universo femminile, il seme della rinascita.

Domanda - A conclusione di questa esperienza che ha generato il romanzo “È PASSATO”, se dovesse isolare degli episodi di particolare intensità o di mirata utilità ai fini della elaborazione del romanzo come li descriverebbe?

Rita Scarpelli - La curiosità verso la comunicazione globale e verso i social mi ha portato a sperimentare queste nuove modalità di relazioni umane: le emozioni molto contrastanti derivate da questa esperienza sono state sicuramente l’input che ha determinato l’idea di scrivere questa storia.

Domanda - Le sue fonti di ispirazione fanno riferimento ad altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Rita Scarpelli - Sicuramente autori come Italo Svevo, Oriana Fallaci, Isabelle Allende, Marcela Serrano, John Grisham, insieme ai numerosissimi altri scrittori di cui ho letto le opere, sono stati la strada sulla quale ho camminato a lungo fino alla esperienza di autrice.
Sono e sono sempre stata una lettrice molto…affamata!

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Rita Scarpelli - Amo molto la fotografia che è anche il mio hobby preferito.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Rita Scarpelli - Leggo con interesse la saggistica psicologica, Baldascini, Recalcati…

Domanda - Preferisce il testo tradizionale di tipo cartaceo o quello digitale?

Rita Scarpelli - Preferisco senza dubbio il cartaceo…amo il profumo della carta dei libri…

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura durante la stesura del romanzo?

Rita Scarpelli - Abbastanza sofferto…le emozioni hanno dovuto faticare per trovare la strada delle parole…spesso erano così complesse da portarmi fuori strada…e mi trovavo a descrivere situazioni differenti da quelle che avevo dentro!

Domanda - Ci può indicare un motivo per cui lei comprerebbe “È PASSATO”, se non lo avesse scritto.

Rita Scarpelli - Lo comprerei perché, come ha scritto Paola Meola, che ha curato la prefazione, “È Passato” parla di noi…è un romanzo del quale sentiamo subito di far parte e nel quale ci sentiamo tutti protagonisti, con la nostra solitudine e i nostri bisogni, in un mondo che sempre più spesso gira lo sguardo di fronte alle fragilità dell’essere umano.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darne una anticipazione?

Rita Scarpelli - Ho un progetto in mente… anch’esso connesso alla comunicazione globale e ai diritti spesso violati in tale contesto…ma questo… È futuro!


Collana Gli Emersi - Narrativa
pp.264 €12.00
ISBN978-88-591-4579-0
Il libro è disponibile anche in versione e-book


Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti