Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15528

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018




PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI MOGOL E ALETTI


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Isabella Horn, finalista per il libro "Impermanenze" al Premio Letterario "L'Anfora di Calliope".

di Rassegna Stampa

Isabella Horn, finalista per il libro "Impermanenze" al Premio Letterario "L'Anfora di Calliope".

La presentazione del libro scritta da Cristina Morandi, riportata in quarta di copertina:

L’effimero e il caduco, che continuamente trasformano la realtà, in un gioco caleidoscopico di manifestazioni che si susseguono l’una all’altra, sono solo il soggetto apparente di questa intensa raccolta: alla vacuità e vanità del divenire, infatti, si oppongono dialetticamente il segno e il sogno di una dimensione assoluta. Nel continuo trasmutare delle cose, gli opposti sfumano l’uno nell’altro: i marosi diventano valli, il riso diventa ghigno, il capriccio di nube si fa pietra di pieve / romanica, santa / dimora di qualche divino / aureo miraggio: ogni luogo, come ogni realtà umana, anche la più cruda, volto atroce di un ‘‘male’’ forse solo provvisorio, diviene soglia per trascorrere dall’apparente all’assoluto, dalla caducità all’essenza. Questa si esprime come un ‘‘tendere verso’’, ma anche come il contenitore di una incomprensibile congiunzione fra ciò che diviene e ciò che è eterno, fra mancanza di senso e espressione di ciò che necessariamente è. Il Fato che governa la Natura, identificato con una divinità impenetrabile e assente, si configura come il luogo permanente che nel fluire continuo delle cose trova la propria manifestazione. Siamo all’interno di una hegeliana identità di essere e divenire: oltre la vanità, identificata con la clessidra - una imperitura galattica partitura unisce nella musica dei mondi Vuoto e Pieno, increato e creato, domanda e risposta. Sapiente è colui che coglie e accoglie, come lo scultore Vulca mentre plasma il volto del dio, l’imperscrutabile necessità dell’assoluto e del caduco, con mano che con devozione, /umilmente fiera, sente e plasma i tuoi decreti / svelando crudeltà e dolcezza d’immortale Natura/ a umana impermanenza.


Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti