Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15280

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 



PARTECIPA AL LABORATORIO
DI SCRITTURA IN POESIA E TESTI DI CANZONI
DI FRANCESCO GAZZÈ E GIUSEPPE ALETTI

TEATRO TRASTEVERE DI ROMA
SABATO 27 E DOMENICA 28 OTTOBRE
OPPURE SABATO 3 E DOMENICA 4 NOVEMBRE

 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Sonia Vivona, che presenta ai lettori il libro “C’è Tutto un Mondo Intorno Così Lontano, Così Vicino” ( Aletti Editore )

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai “C’è Tutto un Mondo Intorno Così Lontano, Così Vicino”? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Sonia Vivona - “C’è tutto un mondo intorno. Così Lontano, Così Vicino”, è l’incontro in chiave poetica esistenziale con l’Universo che ci circonda.
Un dialogo dove le vicende umane, dolorose e gioiose, si intersecano e si misurano con i luoghi della memoria, con la bellezza struggente della natura, che contiene ed accoglie le contraddizioni del vivere, tra territori di vita e dell’anima.
Una natura che non è spettatrice e che, con sue Leggi, sostiene ed indirizza l’agire di un’umanità che si dipana “in cerca del senso del comune esistere”, mentre i pensieri si muovono veloci in luoghi lontani sempre più vicini, su reti che ci fanno viaggiare tra tempi e spazi apparentemente senza limiti.
Alle “fugaci emozioni” ed al senso di ineluttabilità di fronte ai drammi quotidiani, nel libro si fa strada una possibile chiave di lettura dell’arte di vivere in armonia, all’insegna di “Libertà”, “Verità”, “Amore” per costruire una “Bellezza” che non teme il tempo.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Sonia Vivona - La riflessione poetica si nutre profondamente dal confronto con la realtà circostante, come il titolo ampiamente suggerisce. Un invito a guardare il mondo che ci circonda, facendosi contaminare dalla Vita “prima che tutto scivoli via”, dalla Bellezza in esso contenuta, anche nello sguardo di chi incontriamo, anche quando vi leggiamo la paura ed il bisogno contingente. Un desiderio di incontro “autentico” tra un “Io” e un “Tu” per alimentare il desiderio di “Noi”. La realtà che ci circonda quindi come opportunità, come “tavola imbandita” ma anche come limite al nostro agire, come spunto di riflessione ed evoluzione.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Sonia Vivona - La scrittura è per me meditazione attiva, confronto con le istanze interiori che aiuta a fare sintesi della complessità. Le raccolte poetiche da me pubblicate narrano di un percorso esistenziale evolutivo che si interroga e trova delle risposte nel cammino e nella costruzione della difficile e nel contempo meravigliosa Arte del Vivere. In questo senso, entrambe le raccolte poetiche, lanciano un messaggio di speranza e di fiducia da condividere con chi legge oggi e leggerà in un prossimo futuro i miei libri.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro “C’è Tutto un Mondo Intorno Così Lontano, Così Vicino”, se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Sonia Vivona - Straordinaria importanza hanno avuto gli incontri mensili con altre donne coraggiose nell’ambito del Progetto “Penelope”, cui partecipo, a Cosenza. Senza la “sorellanza” attivata dialetticamente nel gruppo e la comprensione dell’energia femminile che accoglie, nutre, consola, non sarei mai riuscita ad incontrare ed unificare il principio maschile presente in me facendone sintesi nella lettura dell’Universo che ci circonda.
Gli incontri con le persone durante la presentazione dei miei scritti sono stati anche linfa vitale nella elaborazione emotiva della nuova raccolta. In particolare, l’incontro a Roma e ad Asti di amici ed amiche con cui ho condiviso diversi anni fa dei percorsi di Biodanza, la danza della Vita. Un cerchio di amicizia che non si è chiuso nonostante gli anni e la distanza perché fonte di conoscenza e ricerca profonda. L’incontro a Piovà Massaia (Asti) con un amico scrittore argentino, mi ha riportato alle mie radici, alla diaspora familiare per emigrazione. Il desiderio di unificazione dei nostri vissuti, delle storie personali; la condivisione di forti emozioni con chi come te percorre un cammino di libertà, sono, a mio parere, alcuni dei motivi che ci spingono ad uscire dal codificato, rendendo più vera e ricca la nostra vita.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Sonia Vivona - Tanti sono gli autori che hanno contribuito alla mia formazione culturale e sentimentale e che affrontano e dialogano, in chiave letteraria e poetica, a vario titolo, con il senso e la complessità del vivere.
Tra questi, in un elenco certamente non esaustivo, ci sono Giacomo Leopardi (specialmente nel “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia” e “La Ginestra”); Luigi Pirandello, Albert Camus (“Lo straniero”), Fedor Dostojesky, Mary Shelley, Virginia Woolf (“Una stanza tutta per sé”), Oscar Wilde, Sibilla Aleramo (“Una donna”), Simone de Beauvoir, Marguerite Duras, Isabelle Allende, Hermann Hesse, Fred Uhlman (“L’amico ritrovato”), Italo Calvino ( “Se una notte d’inverno un viaggiatore”), Antonio Tabucchi (“Notturno Indiano”), Murakami (“Kafka sulla spiaggia”) e ancora Charles Baudelaire, Paul Verlaine, Pablo Neruda, Salvatore Quasimodo, Alda Merini… ed ultimi, ma non meno importanti, Ombretta Ciapini con gli scritti sull’identità femminile (“Il femminile violato...” ) ed Antonio Mercurio con gli scritti di Antropologia Personalistica Esistenziale (tra cui “Ipotesi su Ulisse”).

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Sonia Vivona - La Biodanza di Rolando Toro (“L’uomo che parlava alle rose”), che ho praticato per anni e attraverso la quale abbiamo presentato a Roma nel 2017 un progetto dal titolo “Prendimi per Mano, per volare verso nuovi gradi di libertà” di poesia e Biodanza. La musica classica, F. Chopin e C. Debussy, collegati alla lettura di brani poetici, in particolare Debussy con la sua “Suite Bergamasque” ed il “Clair de Lune”.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Sonia Vivona - Adoro leggere, sia poesia che prosa, autori classici ma anche contemporanei. Tra i romanzi, prediligo quelli di formazione.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Sonia Vivona - Senza dubbio il libro tradizionale cartaceo che mi conquista, persino con il suo odore, per diventare un vero e proprio compagno che vive in simbiosi un pezzo di cammino comune, fino a trovare una sua giusta collocazione nella mia libreria. Mi piace guardare le copertine dei libri, sfogliarli ancora dopo averli letti, quasi per ricordare anche in modo tattile, le emozioni vissute.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.

Sonia Vivona - La scrittura è per me un’amica, una compagna, una confidente, uno specchio, ma anche uno strumento di elaborazione, di confronto, di sintesi. Nel corso della composizione del libro ho vissuto momenti di natura diversa, di gioia e di dolore, di trascendenza e leggerezza, a volte di liberazione del senso d’impotenza di fronte ad eventi traumatici e dolorosi.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe “C’è Tutto un Mondo Intorno Così Lontano, Così Vicino”, se non lo avesse scritto.

Sonia Vivona - Per Curiosità. Per Attrazione e Passione. Per la voglia di aprirsi al mondo e andare oltre il quotidiano. Per Amore per la Libertà. Per trovare una nuova Terra ed un nuovo Cielo dentro e fuori di me.
Perché è bello scoprire che “Dietro ad ogni persona, anche la più semplice….c’è tutto un mondo intorno… e scoprirlo e scoprirsi è meravigliosamente attraente…”, scrive S. da Cosenza dopo aver letto il libro ed aggiunge: “Ogni tuo volume mi permette di fare un viaggio dentro di te, autrice, nei vari temi che affronti… e anche dentro di me! Mi hanno colpito i componimenti sulla trasformazione… hanno dato voce a ciò che è stato, ed in parte è ancora, il mio grido interiore dopo averli letti e sentiti subito miei, ho provato una pace interiore….come se da qualche parte avessi trovato comprensione. Disponibilità che nella quotidianità più difficile, si fatica a trovare (“…la verità…si mimetizza nel “tutto bene” mentre l’emozione implode dentro il cuore… e il desiderio di cielo fa nascere ali per volare…”).

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Sonia Vivona - Mi piacerebbe mettere insieme più generi artistici (ad esempio, musica e poesia) da realizzare anche in collaborazione con altri artisti. Ho già sperimentato in entrambi i miei libri il connubio tra poesia e fotografia - che si sposano molto bene - ed è un work-in-progress in tal senso.


Collana Le Perle
pp.72 €12.00
ISBN 978-88-591-4967-5
Il libro è disponibile anche in versione e-book

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti