Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15128

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

 

V Concorso Letterario
CET Scuola Autori di Mogol
Presidente di giuria
Mogol
Al vincitore una borsa di studio
del valore di 3.500 Euro

Scadenza
18 LUGLIO 2018

 


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Eleonora Amato, che presenta ai lettori il libro “La sinfonia dei versi” - Aletti Editore

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai "La sinfonia dei versi"? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Eleonora Amato - Ho deciso di intitolare il mio libro “La sinfonia dei versi”, perché per me la poesia è come se fosse una musica che nasce dall’anima. Devo premettere che ho sempre amato scrivere, e in particolare scrivere poesie, perché per me la poesia ha un valore importante: è proprio come una sinfonia che nasce dalle mie emozioni più intime ed entra nel cuore di chi la ascolta, lasciando una traccia indelebile.
Gli argomenti ricorrenti sono le emozioni: come la rabbia, la tristezza, la gioia, la paura. Ho buttato sulla pagina bianca tutto quello che provavo in un periodo della mia vita e ne ho fatto poesia. Si sa, a volte non si riesce a comunicare agli altri ciò che si prova veramente, ed io ho scelto la poesia per farlo e ho pensato di condividere ciò che ho da dire con chi leggerà i miei versi.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Eleonora Amato - La realtà nella scrittura ha inciso tantissimo. Ogni poesia che ho scritto rispecchia un pezzo del mio vissuto, magari una partenza, un’emozione che ho provato in quel momento, l’ho estrapolata e l’ho messa per iscritto. Ogni poesia ha un destinatario reale, infatti quando parlo di un episodio, di un distacco, o di un abbraccio è perché li ho vissuti sulla mia pelle e poi li ho raccontati nel modo in cui ritengo più trasparente possibile. Secondo me questa è l’arte più perfetta, perché ti mette a nudo, ci sei tu autore e il mondo che è libero di interpretare ciò che scrivi, può essere d’accordo oppure no.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Eleonora Amato - Con questo libro ho voluto raccontare ciò che non ho mai avuto il coraggio di dire. Ho voluto salvare i ricordi, le sensazioni e custodirle per sempre. A volte per esempio è difficile dire a qualcuno il semplice “ti voglio bene”, sembra banale ma vi assicuro che non lo è. Le mie poesie allora raccontano proprio questo: i sentimenti, quelli che a volte a parole non riusciamo a dire.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro "La sinfonia dei versi", se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Eleonora Amato - La scrittura di questo volume è stata davvero un’esperienza formativa e devo dire che mi ha cambiata in meglio. Prima di ora non avevo mai pensato di pubblicare nulla, poi vari episodi tristi della mia vita come una partenza o un dispiacere mi hanno fatto cambiare idea. Certo nelle mie poesie c'è anche gioia e un valore importante che è quello dell’amicizia. La stessa copertina, che racconta in una foto fatta dal vivo il mare del Salento al tramonto, nasce come un regalo di un amico e anche la pubblicazione è avvenuta grazie ai miei amici che hanno creduto nelle mie capacità.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Eleonora Amato - Le mie fonti di ispirazione sono la realtà che vivo ogni giorno, come ho già detto tutto ciò che racconto è reale. Altri autori che prediligo in poesia sono Quasimodo che secondo me ti apre un mondo nella sfera dei sentimenti e anche la grande Alda Merini, che ha un modo di raccontarci l’amore con dolcezza ma nello stesso tempo con forza e verità. In narrativa mi piace tantissimo Susanna Tamaro, che può sembrare un’autrice triste, ma vi assicuro che non lo è. La forza di questa donna di guardarsi dentro, trovare conforto nella fede ed apprezzare con gioia le meraviglie del mondo è ammirevole. Sono dell’idea che il mondo è un posto meraviglioso nonostante tutto e noi dobbiamo essere capaci di apprezzare con un sorriso ogni cosa la vita ci doni, perché vi assicuro che niente è scontato e niente ci è dovuto.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Eleonora Amato - La mia scrittura è stata influenzata anche dalla pittura come Van Gogh, che raccontava il suo disagio esistenziale con le pennellate di colori, ma anche dalla musica. Amo ascoltare generi diversi, anche se prediligo quelli più lenti. Quando ascolto una canzone infatti la cosa che amo fare è guardare il testo e vedere ogni singola parola; mi piace anche tradurlo se è in inglese per capire cosa davvero il cantante vuole comunicare con quella frase.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Eleonora Amato - Oltre a ciò che racconto nel mio libro amo molto i romanzi, soprattutto quelli d’amore, quelle storie che ti toccano il cuore e ti prendono fino all’ultima pagina. Mi piace molto anche il cinema e apprezzo anche il genere fantasy, soprattutto i telefilm. Come avete potuto vedere spazio in diversi generi, ma come ho detto prima nel mio libro ho scelto di raccontare la realtà vera e le mie emozioni più profonde.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Eleonora Amato - Io prediligo il libro cartaceo, infatti mi piace sfogliare le pagine di un libro appena stampato e annusarne l’odore, è buffo lo so. Reputo comunque molto importante anche il libro digitale per una società come la nostra in continua evoluzione.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.

Eleonora Amato - Il mio rapporto con la scrittura durante la composizione del libro è stato di liberazione, infatti ho dato sfogo a tutte le mie emozioni e devo dire che è stato importante per me. Sono consapevole che da un periodo difficile in cui non sapevo più chi fossi è nato qualcosa di bello.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe "La sinfonia dei versi", se non lo avesse scritto.

Eleonora Amato - Io comprerei “La sinfonia dei versi” per scoprire cosa l’autore ha da dire, perché la poesia non è scontata e non passa mai di moda. Penserei che questo libro racconta il mondo, attraverso gli occhi di una giovane ragazza e vorrei capire come lo percepisce.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Eleonora Amato - Sì, ho in progetto di scrivere ancora, ma ho in mente di cambiare genere e magari dedicarmi alla stesura di un romanzo, cerco sempre di mettermi in gioco ed affrontare nuove sfide. Per ora l’idea è nella mia testa ma spero di poterla realizzare, spero di poter imparare ancora tanto. Il mondo della scrittura mi ha sempre appassionato, per me è l’arte più nobile, e a questo proposito ringrazio voi con questa pubblicazione per aver realizzato un sogno che avevo nel cassetto da tempo.


Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti