Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15128

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

 

V Concorso Letterario
CET Scuola Autori di Mogol
Presidente di giuria
Mogol
Al vincitore una borsa di studio
del valore di 3.500 Euro

Scadenza
18 LUGLIO 2018

 


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Giovanna Capucci, che presenta ai lettori il libro "Madre per sempre" - Aletti Editore

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai "Madre per sempre"? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Giovanna Capucci - Desideravo mettere a fuoco un rapporto che mi ha sempre intrigato. Quello fra madre e figlia. Rapporto pieno di contrasti. Condizionato dalla figura materna che lascia un’impronta dentro di noi incancellabile.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Giovanna Capucci - Certamente mia madre ha inciso profondamente nella mia vita, lasciando un ricordo sempre vivo e insostituibile. Pur fra alcuni contrasti, non mi sono mai stancata di esserle figlia e di chiamarla ‘mamma’.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Giovanna Capucci - Nel romanzo non c’è nulla di biografico in senso stretto. A volte dei rimpianti e dei sensi di colpa, che mi appartengono, per non essere stata sempre all’altezza di certe situazioni.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro "Madre per sempre", se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Giovanna Capucci - Nessuno in particolare. Solo il fatto di aver voluto raccontare quanto il legame con la propria madre, soprattutto per noi femmine, sia talvolta complicato e difficile. Spesso le incomprensioni travalicano i buoni sentimenti.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Giovanna Capucci - Potrei citarne molti e fra i più disparati. Uno di questi è J. M. Coetzee.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Giovanna Capucci - Gli scrittori inglesi dell’Ottocento, in particolare Thomas Hardy e le sorelle Bronte, per la loro scrittura romantica e tragica e per l’ambientazione così sorprendente e misteriosa. Tanto da indurmi ad andare più volte in Inghilterra a visitare i luoghi dove loro hanno vissuto.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Giovanna Capucci - Amo le storie di ‘gente comune’. Mi attirano gli utopisti e in un certo senso i perdenti. Quando scrivo, racconto una storia prima di tutto a me stessa. La trama scaturisce spesso da qualcosa che ho visto o sentito e che mi ha particolarmente colpito. Poi si amplia e si sviluppa nella mia fantasia.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Giovanna Capucci - Quello cartaceo. Amo il contatto palpabile, diretto. Sfogliare e risfogliare pagina dopo pagina. Tenere i libri sul comodino accanto al letto. Addormentarmi alla fine di un capitolo.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.

Giovanna Capucci - Un rapporto diretto, immediato. Come se una voce dal subconscio dettasse ciò che volevo dire. Forse un fallimento personale: più di madre che di figlia. Ma le due cose possono essere sovrapponibili.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe "Madre per sempre", se non lo avesse scritto.

Giovanna Capucci - Perché “MADRE PER SEMPRE” è una storia dolce e amara, lacerante e subliminale. Un rapporto d’amore eterno, che neppure la morte potrà cancellare.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Giovanna Capucci - Ho scritto in questi ultimi vent’anni diversi romanzi e libri di poesia. Mio malgrado mi sono messa in gioco. Ho due nuove storie già pronte: “La bottega delle donne” e “La villa dei cani”.



Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti