Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16188

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Giovanna Capucci, che presenta ai lettori il libro "Madre per sempre" - Aletti Editore

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai "Madre per sempre"? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Giovanna Capucci - Desideravo mettere a fuoco un rapporto che mi ha sempre intrigato. Quello fra madre e figlia. Rapporto pieno di contrasti. Condizionato dalla figura materna che lascia un’impronta dentro di noi incancellabile.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Giovanna Capucci - Certamente mia madre ha inciso profondamente nella mia vita, lasciando un ricordo sempre vivo e insostituibile. Pur fra alcuni contrasti, non mi sono mai stancata di esserle figlia e di chiamarla ‘mamma’.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Giovanna Capucci - Nel romanzo non c’è nulla di biografico in senso stretto. A volte dei rimpianti e dei sensi di colpa, che mi appartengono, per non essere stata sempre all’altezza di certe situazioni.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro "Madre per sempre", se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Giovanna Capucci - Nessuno in particolare. Solo il fatto di aver voluto raccontare quanto il legame con la propria madre, soprattutto per noi femmine, sia talvolta complicato e difficile. Spesso le incomprensioni travalicano i buoni sentimenti.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Giovanna Capucci - Potrei citarne molti e fra i più disparati. Uno di questi è J. M. Coetzee.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Giovanna Capucci - Gli scrittori inglesi dell’Ottocento, in particolare Thomas Hardy e le sorelle Bronte, per la loro scrittura romantica e tragica e per l’ambientazione così sorprendente e misteriosa. Tanto da indurmi ad andare più volte in Inghilterra a visitare i luoghi dove loro hanno vissuto.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Giovanna Capucci - Amo le storie di ‘gente comune’. Mi attirano gli utopisti e in un certo senso i perdenti. Quando scrivo, racconto una storia prima di tutto a me stessa. La trama scaturisce spesso da qualcosa che ho visto o sentito e che mi ha particolarmente colpito. Poi si amplia e si sviluppa nella mia fantasia.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Giovanna Capucci - Quello cartaceo. Amo il contatto palpabile, diretto. Sfogliare e risfogliare pagina dopo pagina. Tenere i libri sul comodino accanto al letto. Addormentarmi alla fine di un capitolo.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.

Giovanna Capucci - Un rapporto diretto, immediato. Come se una voce dal subconscio dettasse ciò che volevo dire. Forse un fallimento personale: più di madre che di figlia. Ma le due cose possono essere sovrapponibili.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe "Madre per sempre", se non lo avesse scritto.

Giovanna Capucci - Perché “MADRE PER SEMPRE” è una storia dolce e amara, lacerante e subliminale. Un rapporto d’amore eterno, che neppure la morte potrà cancellare.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Giovanna Capucci - Ho scritto in questi ultimi vent’anni diversi romanzi e libri di poesia. Mio malgrado mi sono messa in gioco. Ho due nuove storie già pronte: “La bottega delle donne” e “La villa dei cani”.



Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti