Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15299

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 



PARTECIPA AL LABORATORIO
DI SCRITTURA IN POESIA E TESTI DI CANZONI
DI FRANCESCO GAZZÈ E GIUSEPPE ALETTI

TEATRO TRASTEVERE DI ROMA
SABATO 27 E DOMENICA 28 OTTOBRE
OPPURE SABATO 3 E DOMENICA 4 NOVEMBRE

 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Caterina Carbonardi, che presenta ai lettori il libro “Il realizza sogni: dal sogno all’obiettivo, se sai come farlo.” ( Aletti Editore )

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai “Il realizza sogni: dal sogno all’obiettivo, se sai come farlo.”? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Caterina Carbonardi - Partire dal titolo del libro è fondamentale, in esso ho racchiuso l’essenza, così come nella scelta dell’immagine dell’acchiappasogni nella copertina. Quasi tutti abbiamo dei sogni nel cassetto, ma come si dice il posto dei sogni non è proprio quello. Rinchiusi in un cassetto non hanno modo di prendere forma, e nel cassetto finiranno per diventare rimpianti. L’intento del libro è incoraggiare i sognatori a tirarli fuori da lì per valutare quali di essi possano essere realizzati e quali invece si possano lasciar andare senza rimpianti. Esattamente come l’acchiappasogni che, nella leggenda, aiuta a filtrare e trattenere i sogni belli e a lasciar andare quelli brutti.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Caterina Carbonardi - Nella mia esperienza professionale, ho vissuto in prima persona la trasformazione di sogni in obiettivi, sia quelli personali, che professionali. Alcuni sogni invece, al netto di una valutazione, risultavano non realizzabili o magari solo non ben identificati. Facciamo il caso, sogno di molti, di desiderare di andare a vivere su una spiaggia, quasi mai è davvero ciò che si vuole, piuttosto si vuole migliorare ciò che nella vita sta funzionando meno; è un po' come dire portiamo la spiaggia e il sole nella nostra vita senza scappare.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Caterina Carbonardi - Il messaggio che vorrei durasse nel tempo è: mai perdere la speranza! Non avere speranza significa aprire la porta alla sfiducia, alla disperazione e alla rassegnazione. Ci vuole molto coraggio a non perdere la speranza in noi stessi e negli altri, nonostante gli accadimenti personali e sociali che impattano oggi sulle nostre vite.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro “Il realizza sogni: dal sogno all’obiettivo, se sai come farlo.”, se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Caterina Carbonardi - Dopo circa due mesi dall’uscita, un messaggio comune mi è tornato da chi lo ha letto: bisogna ripartire da sé stessi, ricordarci di chi siamo, cosa guida le nostre scelte e cosa ci impedisce di andare avanti. Il famoso “conosci te stesso” di Socrate. Io dico: se prendi consapevolezza di come funzioni, allora riuscirai a “farti funzionare”.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione e altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Caterina Carbonardi - I padri fondatori del Coaching che io riconosco allineati ai miei valori, John Whitmore, ad esempio, ho avuto la fortuna di ascoltarlo dal vivo qualche anno fa, e parlò di tutto tranne che del coaching, parlò dell’essere umano, dei valori importanti, dei problemi sociali e quelli ambientali. La sensazione non era quella di un relatore sul pulpito, che parlava declamando con retorica, ma al contrario quella di una persona umile conoscitore dell’essere umano e che su questo riponeva speranza. Il messaggio che mi sono portato a casa quel giorno e che non mi ha mai abbandonato è: fare anche poco ma bene, per migliorare anche solo un piccolo pezzetto di mondo attorno a me.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Caterina Carbonardi - Questa è una domanda molto bella, e mi piacerebbe poter rispondere sì, ma chi ha letto il mio libro sa che scrivo in modo semplice, non con uno stile letterario interessante, scrivo con passione cercando di non fare errori gravi. Insomma senza nessuna pretesa. La mia preparazione tecnica ha influenzato molto le mie letture, forse questo si percepisce, ma è ben mixata alla mia passione e al fatto che credo in quello che scrivo.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Caterina Carbonardi - Mi piacciono i libri di poesie, e mi piace anche scriverle, mi ispirano, mi fanno sognare, aprono dei percorsi emozionali che mi portano lontano, a viaggiare e perdermi tra panorami che non ho mai esplorato.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Caterina Carbonardi - La carta è la carta, per me è come toccare il mondo che ritrovo dentro un libro, stimola tutti i sensi.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.

Caterina Carbonardi - Io scrivo di getto, senza pensare alla forma, che sistemo in un secondo momento. Scrivere di getto permette di fare un mio outing sull’argomento, una messa a terra per me stessa, mi chiarisce. Rileggere e sistemare la forma, mi permette di rivivermi e di riordinare il mio fiume di pensieri fatto di acque calme, agitate, cascate e argini da sistemare.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe "Il realizza sogni: dal sogno all’obiettivo", se sai come farlo. se non lo avesse scritto.

Caterina Carbonardi - La copertina? Il titolo? Scherzo, anche se poi per chi è sconosciuto può fare la differenza. Il realizza sogni potrei suggerirlo a me stessa per fare il punto su chi sono oggi e dove voglio andare domani.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Caterina Carbonardi - Ho appena iniziato a elaborare un nuovo testo, che parlerà di cosa c’è alla base delle nostre decisioni. Passiamo tutta la vita a prendere decisioni, ma mai ci soffermiamo a riflettere su come le prendiamo. Conoscere cosa entra in campo quando decidiamo può essere utile per fare scelte migliori e soprattutto in modo più semplice.


Collana "Gli emersi - Narrativa"
pp.112 €12.00
ISBN978-88-591-5129-6
Il libro è disponibile anche in versione e-book

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti