Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16162

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Piero Selmi, che presenta ai lettori il libro "Immagini" - Aletti Editore

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai "Immagini". Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Piero Selmi - "Immagini", quasi rivolgersi a qualcuno e dirgli: immagina le situazioni, entra nel momento, se riesci fallo tuo... emozionati, oppure vedi immagini di vita, non sempre la mia vita, chi scrive immagina a volte, a volte ricorda, a volte cede alla fantasia.


Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Piero Selmi - Non si sfugge dalla realtà, ci è accanto sempre, anzi alcuni pensieri risuonano di realtà, come i vecchi cantori di vita, assorbo dalla realtà, quella mia e quella degli altri.


Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Piero Selmi - Forse i valori che stanno svanendo, la speranza a volte ma le piccole cose di tutti i giorni che ci fanno compagnia e ci parlano, i ricordi delle cose, le stagioni, il male ed il bene che ci accompagnano e la scelta che sta a noi, sempre.


Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro "Immagini", se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Piero Selmi - Semplicemente l’istintivo, il particolare, i dettagli, il nascosto e comunque il segreto della nostra vita, qualcosa che è dentro e rinasce, forse il non perfetto, come noi, il nostro essere, i nostri errori, le nostre gioie, i nostri dolori, come la copertina del libro... temporale in arrivo, lampi, paura e poi poco più in là... un cielo stellato che forse aspetta, forse riluce... la speranza.


Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Piero Selmi - Nasco con Fabrizio de Andrè, F. Guccini, i cantautori che porto con me da sempre, la mia prima chitarra, sostituire un testo come "La guerra di Piero" e suonarla con le mie parole, questo forse sono io.


Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Piero Selmi - Mi ripeto forse, parlando di cantautori, qualcosa che lentamente sta svanendo, senza dimenticare H.Hesse… o poeti anche moderni ma io ho tracciato il mio modo molti anni fa, iniziai a 16 anni, mi fermai a volte ma quando qualcosa è dentro di te, fa parte di te, è la tua aria... e io respiro questo senza più paura, pur conoscendo il non perfetto delle mie parole, quello che viene definito: la vera poesia, io credo che la poesia sia semplice, da donare, da far brillare ancora.


Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Piero Selmi - Sempre romanzi o trattati alla ricerca di sé stessi, di quell’Io che a volte nascondiamo e forse sbagliamo.


Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Piero Selmi - Mio padre aveva una libreria, ricordo il profumo della carta. E poi toccare le pagine di un libro è come entrare in contatto con chi l’ha scritto, anche se il digitale ha un suo posto.


Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.

Piero Selmi - Meravigliarsi, sì, la meraviglia di riuscire ancora ad emozionarsi, ad emozionare, scavando dentro e lasciarlo su carta, libero, quasi indifeso ma vero, sincero.


Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe "Immagini", se non lo avesse scritto.

Piero Selmi - Questo è un mondo d’immagine, forse la copertina mi attrarrebbe, forse le foto inserite con didascalie estratte da alcune poesie, ma io immagino qualcuno che non conosco e forse, per caso, lo prenderebbe da portare a casa, un amico, un’amica... un passante, uno sconosciuto.


Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Piero Selmi - È la terza raccolta che stampo, ci vogliono anni per avere qualcosa da dire, da dare, a volte non si sa se ci si riesce, io continuo ancora, forse ne verrà un’altra, vivendo, forse se sarò fortunato di ascoltarmi ancora, di vivere e scriverlo per me e per chi apprezzerà, immagino sempre un nuovo libro, immagino... Grazie.


Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti