Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17725

-




XIII CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA INEDITA

“IL FEDERICIANO”

IL PIÙ IMPORTANTE CONCORSO PER TESTI INEDITI ITALIANO.

L'UNICO CHE DÀ L'ETERNITÀ.

ENTRO IL 16 SETTEMBRE 2021

Partecipazione gratuita!



 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista alla poetessa albanese Denata Ndreca, che presenta ai lettori il libro "Un Faro nella nebbia" ( Aletti Editore )

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai "Un Faro nella nebbia". Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?

Denata Ndreca - C'è dentro l'invisibile eterno, spalle al muro, essenza.
Quell'essenza che si trova in profondità, in semplicità.
C'è dentro la falsità della gente, i finti pranzi di Natale e Pasqua.

C'è buio.
Quel buio profondo
dove vedo bene.
C'è solo buio profondo
che a me appartiene!

Ci sono le virgole dentro le quali si nasconde la felicità,
c'è un faro nella nebbia che è la forza più
grande di questa vita - l'amore.
C'è il bastone di un vecchio che cammina per strada,
il profumo di lavanda, le rughe del volto sublime
di una madre. Tutto questo, nell'unico modo che io conosco -
a modo mio.


Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?

Denata Ndreca - La poesia è quel genere letterario che, prima di essere scritta
su carta, si scrive sulla propria pelle.


Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?

Denata Ndreca - La poesia ha custodito la testimonianza di una città spogliata, sventrata, sotto acqua e fango intrappolata,
Livorno - durante l'alluvione - una città colpita, ferita, ma una città
sempre piena di vita.
Ha voluto custodire le campane di un paese, l'eco dei ricordi che sbatte ancora più forte, salendo e scendendo dentro le pareti di un cuore.
E, sopratutto, ha voluto custodire l'importanza del verbo raccontare, perché:

"Raccontare"
è un verbo delicato.
Un verbo delicato.
Un verbo che
guarisce,
ferisce,
un verbo che
unisce e tradisce!


Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito il libro "Un Faro nella nebbia", se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?

Denata Ndreca - Isolerei questa:
il gioire con poco di una bambina,
il sorriso da donna quando sono a terra,
gli schiaffi sul viso
e le pugnalate di una vita
che colpisce alle spalle
come una iena!
"Vinco io"
Isolerei e conserverei quel attimo di felicità - quando -
"Accade"
brevemente accade
un attimo di felicità.
Un attimo di dimenticanza
di terra
di provenienza
bandiera
e razza.
Quell'attimo di uguaglianza - descriverlo sarebbe superfluo


Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?

Denata Ndreca - Ho sempre avuto due grandi maestri nella mia vita, è a loro che devo tutto: la musica e la natura.
Ritengo fondamentale per la mia formazione Pablo Neruda e Friedrich Nietzsche.
Aggiungo anche tutto quello che un regime sotto dittatura toglie allo sviluppo
emotivo di una persona, sottrazione che ho dovuto ed ho voluto mettere dentro le valenze, dando così - un senso positivo - a tutto quello che di negativo è stato!


Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Denata Ndreca - La pittura. A volte vorrei che le mie parole diventassero dei quadri.
Invece sull'influenza, difficile. Continuano a chiamarla poesia di "un cavallo selvatico".


Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?

Denata Ndreca - I saggi - non solo come genere letterario, e la prosa.



Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?

Denata Ndreca - Profumo di carta ed inchiostro, sempre.


Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.

Denata Ndreca - Abbiamo dialogato tanto e lo facciamo tutt'ora, io e la mia scrittura.
A volte io, a volte lei - scarna.


Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe "Un Faro nella nebbia", se non lo avesse scritto.

Denata Ndreca - Per la fierezza che porta la parola "faro", anche quando c'è nebbia.


Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Denata Ndreca - Progetti?
Rimanere umana, sempre!



Collana Le Perle
pp.68 €12.00
ISBN 978-88-591-4917-0
Il libro è disponibile anche in versione e-book

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti