Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17725

-




XIII CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA INEDITA

“IL FEDERICIANO”

IL PIÙ IMPORTANTE CONCORSO PER TESTI INEDITI ITALIANO.

L'UNICO CHE DÀ L'ETERNITÀ.

ENTRO IL 16 SETTEMBRE 2021

Partecipazione gratuita!



 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Recensione del libro "Dimensioni aurorali" di Nicola Feruglio ( Aletti Editore ) a cura della poetessa Eloisa Ticozzi, pubblicata sul blog letterario "I gufi narranti".

di Rassegna Stampa

A proposito del libro "Dimensioni aurorali" di Nicola Feruglio (Aletti Editore), ecco una interessante recensione a cura della poetessa Eloisa Ticozzi, pubblicata sul blog letterario "I gufi narranti".
Link del blog:
https://igufinarranti.altervista.org/dimensioni-aurorali-silloge-di-nicola-feruglio-aletti-editore/

“Dimensioni aurorali” è la prima raccolta delle opere di Nicola Feruglio, poeta finalista per ben due edizioni al concorso “Il Federiciano” nel 2018 e nel 2019.

La prefazione del volume porta la pregiata firma dell’editore, nonché poeta, Giuseppe Aletti che propone al venticinquesimo anno di età della sua casa editrice questa animistica silloge di 64 pagine, nella collana: “Poeti in transito” e che la poetessa Eloisa Ticozzi ha recensito per noi.

Sandra Pauletto





Prima che la silloge prenda il via, il poeta Feruglio cita il libro “Psicologia rivoluzionaria” di Samael Aun Weor come qualcosa che lo ha cambiato radicalmente, dettaglio che quindi neanche noi potevamo trascurare dal trascrivere prima di iniziare a ragionare su alcuni spunti offerti dalle poesie del poeta Nicola Feruglio



Sophia, l’eone che creo per partenogenesi il Dio Demiurgo, forse il dio che disfa e ricompone tutto, un dio impassibile e vendicativo, “decise di figliare in solitudine”.

Ma forse Sophia per gli gnostici, verrà salvata da Cristo, l’emanazione del Dio perfetto e sublime, la creatura magnifica e primigenia emanata dall’Eterno.

“L’intera nostra vita dà e si esaurisce in una sola parola”, infatti il poeta Feruglio vuole dimostrare che tutto è Logos, la parola increata ed essenziale, il verbo che diventa materia. Non solo misticismo dunque ma anche concretezza; non solo spiritualità slegata dalla realtà, ma anche tangibilità ed essenzialità.

Per il poeta c’è un daimon, a metà strada tra l’uomo e il divino, forse il daimon socratico, che rivela verità e

fede, svelando l’inganno, Il velo di Maya che tanto rattrista l’uomo perché non lo fa ricongiungere all’Eterno. Ecco che allora il poeta cerca, in qualche modo, secondo la sua sensibilità, di spezzare questo velo, applicando quindi la saggezza attraverso Il Mito della caverna di Platone.

“Perché se morire è illusione, il nascere lo è ancora di più”, infatti morire è rinascere sotto forma di un’altra energia, forse invisibile e impalpabile, che ritorna, spogliandosi del fisico, alla sorgente pura e immacolata.

Quando nasciamo e viviamo, vediamo solo una parte, quella più superficiale della vita, senza prendere consapevolezza; allora rimane da compiere un cammino iniziatico, come racconta Collodi nella favola “Pinocchio”, in cui il burattino di legno, spinto dal grillo parlante (la coscienza) e dalla Fata Turchina (la Dea Madre), acquisisce le sembianze di un bambino per possedere la sua intimità, la sua anima.

Anche la favola “La sirenetta” di Andersen, spiega che la sirena, la protagonista, morendo per amore e per sacrificio, ha in dono un’anima da Dio: la famosa scintilla che hanno gli uomini e le donne, ma non le sirene e i tritoni.

“Oh dionisiaca onda”, si perché con Dio si può congiungersi attraverso la Via della Mano Sinistra, attraverso il Dionisiaco, l’ebrezza, il sesso, l’eros, la sperimentazione, non solo dunque attraverso l’Apollineo, la meditazione, l’equilibrio e il giusto.

Il poeta Feruglio conosce che prima della sua nascita, i due gemelli hanno sacrificato la loro vita morendo, per farlo nascere come in una magia. Egli sa che attraverso questo sacrificio, si compie tutto, la Grande Opera: anche Cristo ha sacrificato la propria vita per redimere l’Umanità, per dare sollievo, generosità e crescita spirituale.

Ma ecco che esiste il male come il bene, vale a dire il duale: tutto, come nelle filosofie orientali,

serve all’Universo, il bene compenetra il male e viceversa, ogni vita dunque scambia esperienze con un’altra vita.

Non solo, il male può essere sublimato e concorrere al bene, attraverso il perdono e la speranza, con la redenzione vera della persona umana.

Secondo l’antroposofia (Rudolf Steiner), anche gli animali permetteranno all’uomo di elevarsi spiritualmente attraverso il sacrificio, in un secondo tempo salvandosi anch’essi: vuol dire che tutte le parti dell’Universo servono al Piano Esistenziale e ogni parte torna nel suo luogo destinato, la sua Terra Promessa.

Ho apprezzato il tono aulico e misterico delle poesie. Consiglio a chi voglia percorrere un percorso iniziatico questa silloge che, benché abbia un tono molto articolato, è di scorrevole lettura. Il poeta vuole decifrare il senso mistico dell’Universo, e combina lo gnosticismo con le filosofie di vita e i culti misterici e pitagorici del passato, in cui il numero esprimeva un concetto filosofico che “andava oltre la materia”.


Eloisa Ticozzi



Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti