Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17734

-




XXII CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA

“HABERE ARTEM”

SCADENZA
29 OTTOBRE 2021


 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

IL FUNANBOLO SOLITARIO CHE SBRICIOLA VERSI - Recensione del libro “Sulle ali della vita” di Renato Costantini, a cura di Giorgio Finocchio

di Rassegna Stampa

IL FUNANBOLO SOLITARIO CHE SBRICIOLA VERSI - Recensione del libro “Sulle ali della vita” di Renato Costantini, a cura di Giorgio Finocchio

Chi conosce Renato Costantini può, in prima istanza, decifrare, il suo secondo e ultimo libro di poesie “Sulle ali della vita”, attraverso un percorso lineare che snoda il personale viaggio dell’esistenza, ricamandolo, tra due bussole ben precise: gli affetti familiari e l’impegno politico e civile.
Sembra riecheggiare nelle notti insonni di Renato il fantasma di Borges: “credo che un poeta dovrebbe vivere di ricordi perché, dopotutto, cos’è l’immaginazione? L’immaginazione è fatta di ricordi e di dimenticanze. È una specie di fusione delle due cose”.
La poesia, la prosa di Renato si nutre di ricordi forgiati dall’immaginazione, di immagini plasmate nella polvere dei ricordi assopiti, fibre senza memoria, immagini arrugginite nell'orizzonte vivo delle pupille o negli occhi insonni depressi dalla quotidianità sorda esangue.
Gli affetti, dunque, non il semplice vivere, ma il dolce, appassionato, delicato ri-vivere insieme alla compagna di una vita, tra nostalgie di tramonti rosati di dolcezza e vibrazioni della pelle ad una carezza sul viso. Affetti familiari non edulcorati, ma vitali, duri, malinconici, che a volte scompaiono nelle nebbie del futuro, tra i sentieri dell’anima, con la speranza mai sopita di uno sguardo verso l’alto al futuro. E quel ricordo lontano nel tempo, ma nitido, freddo, presente, cicatrice mai rimarginata e solo oggi elaborata, sopra l’ultimo affanno del padre, di tutti i padri, mentre il capo cade inerte sul cuscino senza avere altro da aggiungere.
E poi la politica, l’impegno civile sempre presente, il nobile e coraggioso abbraccio dell’utopia, frutto della prima coscienza maturata nell’odore putrefatto di muffa, divenuto compagno fiero, orgoglioso dalla testa e dallo sguardo mai chini, al dunque anche, sempre, umiliato, dall'abbraccio del nulla, mai sopito, mai sconfitto però, sempre in attesa della luce dell'alba. Impegno civile che di fronte a bidonville, barbarie e marionette diventa rabbia. E quelle nuove povere vite, di un altro colore, che guardano nel vuoto con gli occhi vuoti di senso: quanta dolcezza, quanta sofferenza, quanta ricerca di complicità con quell’uomo ormai lontano su due ruote di bicicletta senza freni.
E la città, ammalata, febbricitante, mai più accettata e riconosciuta, attraversata tra sguardi acidi di visi smarriti che penetrano impietosi nel petto e fiocchi mortali di grumi acidi che piovono dal cielo.
Affetti e impegno: questo è Renato, questo è stato Renato, agli occhi di chi lo conosce, e forse persino ai suoi. Ma oggi, rovistando ancora tra le righe dei suoi libri, soprattutto soffermandosi su quei versi che scandagliano i temi classici della poesia, il sogno, l’alba, il tramonto, la luna, Renato è molto di più.
Umilmente, inconsapevolmente, al tempo stesso consapevole di sé stesso, Renato si reinventa, si trasforma in un funambolo solitario, e tra parole di zucchero e fango, nella dolorosa solitudine delle notti insonni, sbriciola versi, diventa leggero, vorrei volare in una leggera brezza di vento, nell'orizzonte della fantasia, oltre il groviglio dell'esistenza di ogni giorno, verso l'infinito senso dell'ignoto. Renato si fa poeta, letterato, cantore.
Leggerezza intesa in senso calviniano, quello delle lezioni americane, “il linguaggio si alleggerisce, i significati vengono convogliati su un tessuto verbale senza peso fino ad assumere la stessa rarefatta consistenza”.
Nel tramonto, lo sguardo perso nel cielo scopre le ali, vola oltre l’orizzonte di fuoco. Pare di vederlo seduto in una sdraio Renato, nel suo giardino, con il pensiero acquietato, vinti i turbamenti, dolcemente assopito in una melodiosa notte d’estate quando il caldo orizzonte notturno frizzante d’azzurro, avvolge le corde delle emozioni. E poi il sogno, dove spaccati di esistenza rivivono come fantastiche matasse imbrogliate in spazi improbabili, senza tempo, e finalmente nel più classico degli argomenti poetici, la leopardiana e leggerissima luna, guardo in alto la luna e insieme mani nelle mani, come a passeggio abbracciati, scorrono ore d’incanto nella suggestione di una danza, oltre i confini della ragione.
Da ultimo, dalla poesia del non senso, come in una contraddizione inconscia, per contrasto, per deduzione, per immaginazione, trovo e immagino il senso più profondo, alla ricerca dell’anima. Qui associo Renato a quel racconto fantastico di Kafka, Il cavaliere del secchio, dove il secchio si trasforma in cavallo e trasporta il cavaliere nel cielo, elevandolo al di sopra del livello degli umani egoismi. Nel volo magico, leggero, il funambolo solitario, sbriciola i versi più compiuti, i desideri più veri, l’anima più profonda:
….. vorrei raccontare senza parole, pagine strappate di sentimenti, essere energia che trasforma, un mondo di fango, in immagini di giustizia, dipinte nel cielo.

Terni 27/12/2020
Giorgio Finocchio


> Ordina il #libro
Il libro è acquistabile, previa ordinazione, presso qualsiasi libreria
Collana "Poeti in Transito"
pp.72 €12.00
ISBN 978-88-591-6796-9
Il libro è disponibile anche in versione #ebook

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti