Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17405

-




12° CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA


PAROLE IN FUGA

entro il 3 maggio 2021

Partecipazione Gratuita!


 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un successo straordinario, tre ristampe nelle prime due settimane di uscita.

Se non hai Amazon scrivi ad:


amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto "ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Umberto Mori, che presenta ai lettori il libro "Orbis non sufficit" ( Aletti Editore )

di Rassegna Stampa

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai “Orbis non sufficit”? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?
Umberto Mori - Dunque, il titolo, è un diretto e quasi sotterraneo richiamo ad un motto che mi ha sempre affascinato e che tradotto significa: Il mondo non basta. Tra l’altro è anche un richiamo ad un verso di una delle poesie presenti in questa silloge. Il libro, fondamentalmente, “canta” in chiave poetica, la Bellezza femminile, la Bellezza in generale ed è anche un velato omaggio alla figura, da me sempre molto ammirata, di James Bond.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?
Umberto Mori - La realtà attuale, molto disdicevole e pessima per me, ha influito moltissimo. Desiderio fortemente innato, di vivere altrove, in un’epoca del passato.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?
Umberto Mori - Ho voluto salvare, l’espressione poetico-verbale, in quanto patrimonio immortale dell’Umanità. Ad essa da sempre, tutti gli esseri esseri senzienti, attingono come arricchimento del proprio interiore.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito “Orbis non sufficit”, se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?
Umberto Mori - Episodi che riguardano il “corteggiamento”, attraverso la Poesia, di Donne che ho molto amato e che non dimenticherò mai, in quanto Opere d’Arte viventi.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?
Umberto Mori - Sicuramente primo tra tutti, d’Annunzio, autore da me sempre amato e studiato. La sua Poesia è autentica Musica del verbo. Poi anche Petrarca, Proust per il senso eterno del Tempo, Boito per l’elevato livello delle parole da lui utilizzate e anche qualche nuance sotterranea di Byron.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?
Umberto Mori - Provenendo da studi accademico-musicali, come già accennato prima, sicuramente la figura di Arrigo Boito (1842-1918), grande compositore e anche grande librettista e uomo di lettere formidabile. Rinnovò, in modo alquanto originale, la librettistica operistica di fine 800. Vedi i due mirabili libretti, scritti per le due ultime opere di Giuseppe Verdi, Otello e Falstaff.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?
Umberto Mori - Amo molto la forma del romanzo, del saggio, la biografia e i testi di teatro in prosa.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?
Umberto Mori - Sicuramente, prediligo il libro cartaceo, più sincero, più tattile, più prezioso.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.
Umberto Mori - Dunque, è stato un rapporto altamente catartico. L’Arte, di solito, purifica e perfeziona, quotidianamente, l’io interiore. Il mio è da sempre propenso verso l’elevato.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe “Orbis non sufficit”, se non lo avesse scritto.
Umberto Mori - Per il Suono del titolo. Accattivante, particolare e originale.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?
Umberto Mori - Sì. Ho iniziato a scrivere una serie di appunti riguardanti un futuro Saggio-biografico afferente Luisa Casati Stampa di Soncino, Marchesa. Una delle figure muliebri più affascinanti, peculiari ed eccentriche della prima metà del XX secolo. Fu Opera d’Arte vivente a tutti gli effetti. Da tempo ne sto studiando la personalità. Auspico di poterne approfondire, sempre più, la sua importanza storica.

Umberto Mori,"Orbis non sufficit" (Aletti Editore)
Collana "I Diamanti - #Poesia"
pp.52 €12.00
ISBN 978-88-591-7040-2
Il libro è disponibile anche in versione e-book

Diventa nostro amico su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

Seguici su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Televisivo Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel


Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti