Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17794

-




XXII CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA

“HABERE ARTEM”

SCADENZA
29 OTTOBRE 2021


 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
EBook Aletti Editore
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

"Sogno sublime" di Francesca Caponio, In eBook a soli Euro 3,99!

di EBook Aletti Editore

Non perdetevi, in #eBook, a soli Euro 3,99
il libro di poesie "Sogno sublime" di Francesca Caponio
(Aletti Editore)

Con prefazione di Giuseppe Aletti 👇
Nelle liriche di Francesca Caponio, che compongono la silloge "Sogno sublime", di cui ho il gradito compito di introdurre alla lettura con questo mio scritto, emerge chiaro l'intento spontaneo ed entusiastico di un abbraccio includente alla vita, che ne accoglie con energia ogni aspetto.
La poetessa si affida al vivere con trasporto completo, sebbene, oltre alle bellezze, alle meraviglie, alle "rose", ci siano inevitabilmente anche le prove, i dolori, ovvero le "spine".
È indicativo, a questo proposito, il ricorrere di un'espressione in particolare: "mi perdo", che designa un lasciarsi attraversare dall'intensità di ogni aspetto, nel bene e nel male. Come nella poesia in apertura "Mi perdo", che è un manifesto generale di ciò che incontreremo in dettaglio nella lettura delle poesie, tra evocazioni degli splendori della natura e molteplici sentimenti provati nell'esperienza esistenziale, di cui la poesia testimonia il vivere in pienezza.
L'insieme tematico si affida ad un linguaggio cristallino, evidente, finalizzato alla conservazione del messaggio originario dal mittente al destinatario. Di tanto in tanto, troviamo l'uso di rime, perlopiù baciate e alternate, per donare musicalità al verso.
Di un sentire così intenso fanno parte anche la nostalgia del tempo che fugge e l'anelito, comune a tanti poeti, di navigare "nell'immensità/ nei miei pensieri infiniti, / nell'illusione di afferrare l'eternità"; un concetto dove ritornano echi di leopardiana memoria ("Così tra questa / immensità s'annega il pensier mio: / e il naufragar m'è dolce in questo mare"). Sempre in tema di suggestioni classiche, citiamo la delicata poesia "Dolce sera", dove il richiamo è alla poesia "Alla sera" di Ugo Foscolo, con la pacatezza che la sera porta con sé nell'animo della poetessa: "Tutto tace / tutto è silenzio / tutto è pace / nutri o dolce sera / i miei sogni nella notte". I temi dei grandi classici del passato sono riproposti efficacemente in chiave moderna, con un linguaggio che attinge dalla contemporaneità.
È espressa inoltre l'attitudine del poeta a lasciarsi guidare dalla fantasia, che permette di distaccarsi per un po' dal quotidiano claustrofobico, rispondendo ad un'esigenza imprescindibile dell'animo umano per chi non si limita a sopravvivere ma intende penetrare nel cuore segreto delle cose. Ci si può far trasportare "in altri mondi", "in sogni lontani / di illusione di eternità", anche dalle semplici note di una canzone.
È un animo estasiato che riesce a trasmettere la bellezza riflessa nei propri occhi - quel "Sogno sublime" - che, oltre ad essere il titolo del libro, è anche il titolo di una poesia molto suggestiva della raccolta, i cui versi finali ci restituiscono tutta la magia di uno scenario di appagamento interiore, nella contemplazione della natura: "Sferza la brezza marina le palme / sferza il mio viso di pura salsedine / con una trasparenza che avvolge l’aria / negli spazi infiniti / mentre il mio cuore/ intriso di amore / trabocca di beatitudine"

Diventa nostro amico su facebook
http://www.facebook.com/alettieditore

Seguici su twitter
http://www.twitter.com/alettieditore

Canale Televisivo Youtube
http://www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti
Non sono presenti notizie riguardanti questa opera.