Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17732

-




XXII CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA

“HABERE ARTEM”

SCADENZA
29 OTTOBRE 2021


 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Philippe Briffaut, che presenta ai lettori il libro "Il monarca zoppo" ( Aletti Editore )

di Rassegna Stampa

✔ Intervista a Philippe Briffaut, che presenta ai lettori il libro "Il monarca zoppo" (Aletti Editore)

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai “Il monarca zoppo”? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?
☑Philippe Briffaut - La scoperta della tragedia greca è stata una delle mie grandi esperienze intellettuali, in particolare l’"Edipo Tiranno" di Sofocle. Che un autore abbia potuto scrivere 2500 anni fa un'opera di tale portata –tuttora viva- non può che interrogarci sui grandi temi della vita umana. Uno di questi, forse tra i più fondamentali, è l’esistenza del male. Naturalmente, non possiamo eludere questa domanda e, almeno una bozza di risposta, la vita stessa ce lo chiede.
D’altronde è lo stesso Sofocle che risponde, almeno in parte, a questo quesito : nell' "Edipo a Colono", mi colpì la trasformazione dell’eroe tragico che diventa una figura salvifica per la polis.
Ovviamente la tragedia classica si sofferma sul parossismo della crisi nel momento in cui non si è potuto fermare la catastrofe. Forse questa trasformazione non è sempre stata abbastanza sottolineata. Mi è sembrato invece che meritava di essere approfondita. È stato il mio punto di partenza, l’inizio di una mia ricerca che d’altronde prosegue. Una via d’uscita è possibile.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?
☑Philippe Briffaut - È sempre difficile definire in che misura la realtà può aver influito nell’elaborazione del mio racconto. Esperienze dell’infanzia, ad esempio, possono essere presenti. Richiedono tempo per essere integrate. Questa elaborazione ci aiuta a capire quanto queste esperienze possono essere state importanti nella formazione del nostro carattere.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?
☑Philippe Briffaut - Nell’antichità l’originalità di una tragedia stava tutta nell’interpretazione che ne dava il drammaturgo. L’autore e il pubblico conoscevano già in partenza i miti più importanti.
Ho voluto raccogliere la sfida partendo da "Edipo a Colono" e riscoprire parte dello spirito della tragedia e farla rivivere. Nei tre grandi tragici (Eschilo, Sofocle e Euripide) è presente una comprensione dei drammi umani di una grande modernità e attualità. Questo legame tra antichità e modernità è qualcosa di raro e unico. Forse, potrebbe essere la definizione migliore che possiamo dare di un'opera classica antica : vive tuttora dopo 2500 anni.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito “Il monarca zoppo”, se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?
☑Philippe Briffaut - La principale difficoltà è stata quella di organizzare il materiale. Non riuscivo a trovare una forma appropriata soddisfacente. Allora, per ben quattro, cinque anni, ho accantonato del tutto il mio racconto. Sembrava che fossi fermo in stallo. Poi nell’estate del 2017, riprendendo daccapo questo materiale, nello spazio di poche settimane ho finalmente risolto i miei dubbi trovando la soluzione per associare insieme una forma poetica e teatrale. Ovviamente, durante questo lungo periodo di stasi, a mia insaputa, la mente continuava a lavorare.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?
☑Philippe Briffaut - Il bel saggio di Nietzsche, "La nascita della tragedia". Che abbia iniziato a scriverlo, o almeno a meditarlo, poco più che ventenne, mostra una sensibilità e una intelligenza unica e rara. Per Nietzsche, l’esperienza del dolore è il cuore stesso della tragedia. Questo saggio, di cui a volte si parla troppo poco, è anche importante per capire la sua filosofia e, ancor di più, l’uomo Nietzsche.
Aggiungo che anche Dostoievskij è stato molto importante nella mia gioventù.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?
☑Philippe Briffaut - Sì, Vivaldi e la sua opera Stabat Mater cantato dal contro-alto James Bowman, un concerto di rara bellezza. La comprensione del sentimento tragico da parte di Vivaldi è molto originale. È come una vera e propria catarsi del dolore: questa opera mostra quanto sia essenziale che venga vissuto il dolore fino in fondo. Solo dopo, in effetti, la vera gioia può nascere ed essere esaltata come purificata. La sua influenza è stata molto importante per me. Anche Vivaldi offre una meditazione, una riflessione sull’esperienza tragica.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?
☑Philippe Briffaut - Il romanzo gotico, in particolare "Il monaco" di Matthew Lewis. L’animo umano non ha segreti per questi autori. Il classicismo francese del 600-700 con l’arte dell’aforisma. La lettura e la comprensione dei miti è anche una fonte essenziale.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?
☑Philippe Briffaut - Personalmente, sono rimasto legato al libro tradizionale cartaceo.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.
☑Philippe Briffaut - È importante lasciarsi guidare, saper aspettare il momento giusto, non correre, non voler bruciare le tappe, così mi sembra. Forse soprattutto per la poesia la quale ha bisogno di tempo per maturare –come un buon vino- per crescere, per trovare la propria strada. Lo scritto ci guida, ci prende per mano, conosce lui la saggezza, sa dove vuole arrivare.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe “Il monarca zoppo”, se non lo avesse scritto.
☑Philippe Briffaut - Un critico si chiedeva se i miti e i drammi antichi potessero ancora dar vita a nuove creazioni artistiche. Ecco, lo comprerei proprio in questo senso, per mettere a confronto il mito di Edipo e i drammi di Sofocle e vedere se l’autore è riuscito nell’intento di farli rivivere e di presentare una interpretazione personale. Vorrei esserci riuscito. Il mito non può né scomparire né morire.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?
☑Philippe Briffaut - Sì, ho iniziato una riduzione teatrale di questa mia opera. Due anni fa nell’ambito della rassegna del teatro antico a Urbisaglia, nelle Marche, ho assistito alla recita da parte dell’attore Enrico Lo Verso, di miti greci accompagnato da musica e ballo, uno spettacolo di rara bellezza che seppe unire, appunto, classicità e modernità. Cercherò di portare avanti questo mio progetto.

Acquista il libro!
Il libro è acquistabile, previa ordinazione, presso qualsiasi libreria
Collana "Gli Emersi - Poesia"
pp.260 €14.00
ISBN978-88-591-736-9
Il libro è disponibile anche in versione e-book
Link del libro dal sito della Aletti Editore:
http://www.alettieditore.it/emersi/2021/briffaut.html

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti