Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18396

-



Premio Internazionale Dostoevskij®

Terza Edizione Straordinaria per le Celebrazioni dei 200 Anni dalla Nascita.


SCADENZA PROROGATA DEFINITIVAMENTE

21 NOVEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista a Giuseppe Castrillo, che presenta ai lettori il libro “Recisioni e suture” - Aletti Editore

di Rassegna Stampa

Intervista a Giuseppe Castrillo, che presenta ai lettori il libro “Recisioni e suture” (Aletti Editore)

Domanda - Partiamo proprio dal titolo, come mai “Recisioni e suture”? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?
Giuseppe Castrillo - Sono uno che non riesce mai a tagliare decisamente con le cose e con le persone e se le taglio, se le recido, poi ho come un pentimento e cerco di suturare la ferita, riannodare i fili dello strappo, dello squarcio.

Domanda - Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?
Giuseppe Castrillo - Direi abbastanza ma non in modo totalizzante. A volte una parola, una situazione, un’immagine reali sono state lo spunto per una riflessione poetica, o per una descrizione in versi che agglutina paesaggio/natura/luoghi a piccoli frammenti di sentimento, di affetti. In altri casi la realtà è debordante, prende la mano, diventa cronaca dei gesti quotidiani, di eventi irreversibili.

Domanda - La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?
Giuseppe Castrillo - Le persone a cui voglio bene e che faccio soffrire e che mi danno, comunque, tanta gioia. Le occasioni di incontro che mi hanno accompagnato, ma soprattutto voglio salvare dall’oblio le mie sconfitte non perché mi possono insegnare ancora qualcosa, ma perché sono le specchio della mia vita. Io sono loro e loro sono me.

Domanda - A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito “Recisioni e suture”, se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?
Giuseppe Castrillo - Se si riferisce ad episodi che mi hanno accompagnato nella redazione del volumetto direi che le segnalazioni per le Antologie della Aletti sono state una spinta notevole per intraprendere quest’esperienza formativa. Se invece gli episodi riguardano la gestazione dei testi, il loro ritrovamento tra carte abbandonate è stato come l’incontro con una persona che non si fa mai vecchia e pure se si fa vecchia continua ad essere bella per la sua saggezza e per i segreti che si porta dentro.

Domanda - Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?
Giuseppe Castrillo - Non faccio una distinzione tra poeti e narratori, ma mi soffermo prima sui poeti. Per l’età che ho non posso fare a meno di dire Montale Quasimodo, più ancora di Ungaretti. Ma continuano ad attrarmi, forse ancora di più, Umberto Saba, Diego Valeri, Attilio Bertolucci, Giorgio Caproni, Pier Paolo Pasolini. Tra gli stranieri Rilke, Eliot, Ferlinghetti, Dickinson, Edgar Lee Masters, Dylan Thomas, Bob Dylan. Ma soprattutto Dante e non perché siamo nell’anno dantesco, ma perché è un poeta ruvido e dolce insieme, fangoso e filosofico, umile ed alto. Tra i narratori, oltre Boccaccio e Manzoni, credo che mi abbiano molto influenzato, Camus, Tomasi di Lampedusa, Pavese, Kerouac, Fenoglio, Elsa Morante che ho amato a dismisura. Credo che Menzogna e sortilegio, e La Storia siano libri che ti rimangono in testa. Poi scrivo sempre pencolando tra una scrittura barocca e una alla Annie Ernaux cui invidio l’essenzialità e limpidezza.

Domanda - Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?

Giuseppe Castrillo - Credo di dovere molto a Mogol e ai cantautori, soprattutto a Paolo Conte. Di alcuni di loro, qui e là, ho inserito brevi citazioni; da altri ho cercato di prendere la chiave di colloquio col mondo e con la gente e di tradurla in espressioni semplici. Se c’è un’arte che mi ha influenzato questa è la pittura; una corrente artistica, questa è quella dei Macchiaioli, ma amo molto Gioacchino Toma, Carrà, De Chirico e Fontana, e non resisto davanti ai quadri di John Singer Sargent ed Edward Hopper. Nella musica il mio idolo su tutti resta Debussy, ma devo dire che il Jazz e le canzonette, anche quelle stupidamente ritenute banali, mi toccano sempre.

Domanda - Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?
Giuseppe Castrillo - Il racconto. L’icasticità di un racconto ben scritto, che sa diventare una stilettata, una schioppettata, sono il mio ideale di scrittura. Infatti sto scrivendo due romanzi e cerco di impiegare per i capitoli, che si succedono la velocità del racconto e la sorpresa che ogni racconto deve avere. Penso al romanzo breve o racconto lungo “Una questione privata” di Fenoglio.

Domanda - Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?
Giuseppe Castrillo - Che domande! CARTACEO. Come uno preferisce una donna reale e non virtuale, o un uomo reale e non virtuale così è per i libri. Uno se li porta appresso, a spasso, e ogni tanto li contempla dopo averli letti e averli riposti nella sua libreria, sul suo comodino. Anche senza rileggerli.

Domanda - Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.
Giuseppe Castrillo - Ho ripreso in mano poesie che avevo scritto quaranta anni fa e a volte mi sono scoperto troppo gonfio, senza calibratura, soffocato da ciò che provavo. Ho un po' sofferto perché ho dovuto fare molti tagli a molte ciocche di capelli, che un tempo mi sembravano lucenti. Mi sono sentito come un padre che ripone i suoi sogni nel suo bambino e poi deve fare i conti con la riuscita di quei sogni, e deve cercare di uscirne con le ossa meno rotte possibile. La scrittura nel corso degli anni è come un vestito che invecchia e gli aggiustamenti, anche se dolorosi, sono necessari. Ma ciò non vale per i poeti veri. Nessuno mette le mani su Leopardi perché lo trova vecchio. Per uno come me, un piccolo poeta, il dover mettere le mani su ciò che ha scritto significa fare un bagno di umiltà, avere il senso del proprio limite, concepire il dovere di darsi una misura, insomma provare quella distanza da sé di cui parla Paolo Virno, nell’esergo che ho riportato nel mio volumetto di poesie.

Domanda - Un motivo per cui lei comprerebbe “Recisioni e suture”, se non lo avesse scritto.
Giuseppe Castrillo - Se avessi letto l’introduzione, anche solo uno stralcio, lo comprerei senza perdere tempo. Io amo il Barocco e il melodramma e amo Napoli. Se non avessi letto l’introduzione lo comprerei per il titolo e sottotitolo. Molto per il sottotitolo. Lo comprerei per capire se il trito sentire dell’autore è anche il mio trito sentire. Lo comprerei ancora perché la stampa del testo mi sembra rapida, facilmente leggibile. Lo comprerei, infine, perché la IV di copertina, anche grazie al breve pensiero di Alberta Marsilio, cattura e richiama alla scoperta di questa vita che sembra un non finito ed anela ancora.

Domanda - Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?

Giuseppe Castrillo - Come le dicevo ho in cantiere diverse cose. Una più accademica che mi viene dai miei trascorsi: un saggio sulla letteratura teatrale del tardo Cinquecento. Poi sto portando avanti due romanzi: uno su di una famiglia di pastori e un altro su un incidente automobilistico, un omicidio stradale, mai scoperto che cambia la vita di chi lo ha commesso. Infine un nuovo quaderno di poesie in italiano e un volumetto di poesie in dialetto pietravairanese. La carne a cuocere è molta ma è stata comprata in circa cinquant’anni di vita. Ora si tratta di cuocerla.


👉 Recisioni e suture. Taccuino del trito sentire
di Giuseppe Castrillo

Il libro è acquistabile, previa ordinazione, presso qualsiasi libreria.
Clicca qui per acquistarlo su IBS:
https://www.ibs.it/recisioni-suture.../e/9788859172758
Il libro è disponibile anche in versione e-book

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci Nuova Notizia

Nessuna notizia inserita

Notizie Presenti
Non sono presenti notizie riguardanti questa opera.