Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18310

-



Premio Internazionale Dostoevskij®

Terza Edizione Straordinaria per le Celebrazioni dei 200 Anni dalla Nascita.


SCADENZA
29 SETTEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Intervista ad ISABELLA HORN che presenta ai lettori il libro di poesie “Viandanzando”

di Rassegna Stampa

👉 Intervista ad ISABELLA HORN che presenta ai lettori il libro di poesie “Viandanzando”

Partiamo proprio dal titolo, come mai “Viandanzando”? Quali sono gli argomenti ricorrenti, o per lei fondamentali, che tratta in questo volume?
• Sono un’appassionata #camminatrice e questo libro nasce dal mio rapporto mentale ed emotivo con le camminate o piuttosto con il #camminare, inteso come esperienza sostanzialmente panteista dove, a un certo punto, il viandante e la ‘via’ si fondono in un senso di ritmo che può essere percepito come danza ovvero un ‘viandanzare’: un camminare che ha in sé stesso il proprio fine, come la danza.

Quanto la realtà ha inciso nella scrittura?
• Senza le mie tante scorribande – sempre da sola: la #solitudine è di rigore! – nel Mugello, in Val d’Orcia, nel Casentino e nella Foresta Nera, il testo, probabilmente, non sarebbe nato o non avrebbe trovato la giusta forma ‘musicale’ che, per me, rappresenta una priorità poetica.

La scrittura come valore testimoniale, cosa ha voluto salvare e custodire dall’oblio del tempo con questo suo libro?
• In tutti i miei #libri - e quindi anche in “#Viandanzando” - è presente la #Natura, con tutte le sue manifestazioni e il ciclo delle stagioni, da vivere come una ‘danza della vita’. Sono ecologista convinta e sarei felice se qualche mio verso servisse per (ri)svegliare la consapevolezza che l’essere umano appartiene alla Natura… e non viceversa (nel senso di disporne da padrone e, spesso, da predone).

A conclusione di questa esperienza formativa che ha partorito “Viandanzando”, se dovesse isolare degli episodi che ricorda con particolare favore come li descriverebbe?
• Avendo il testo una sua intrinseca coerenza data proprio dall’idea del ‘#viandanzare’, non c’è episodio da isolare. Anche se, ovviamente, il potenziale #lettore può scegliere e interpretare – senza rispettare l’ordine dei testi – una ‘sua’ #poesia: è la libertà che fa del lettore una specie di ‘coautore’.

Quali sono le sue fonti di ispirazione: altri autori che ritiene fondamentali nella sua formazione culturale e sentimentale?
• Senz’altro l’inarrivabile Baudelaire, Rimbaud, Yeats, Hölderlin e Georg Trakl, per rimanere nel campo della poesia; degli italiani amo Guido Cavalcanti, squisitamente musicale, e l’immaginifico Salvatore Quasimodo. Romanzieri? Dei classici, soprattutto i grandi russi, ma anche Dickens e Victor Hugo.Tra i moderni ho una predilezione per gli scrittori americani quali Steinbeck. Hemingway, Caldwell, Faulkner e Jack London: amo la loro freschezza, lo spirito avventuriero e le novità tematiche (rispetto ai canoni del romanzo europeo): E potrei aggiungere anche parte della letteratura latinoamericana… Autori italiani? Irrinunciabile, per me, il capolavoro “Horcynus Orca” di Stefano D’Arrigo (al quale si deve anche la magnifica raccolta poetica “Codice siciliano”). Senza dimenticare Elio Vittorini e la trilogia degli “Antenati” di Italo Calvino.

Ci sono altre discipline artistiche, o artisti, che hanno in qualche modo influenzato la sua scrittura?
• Indubbiamente la musica, soprattutto quella prebarocca (scoperta una quindicina di anni fa), ma anche quella medievale, la grande musica sinfonica e – perché no? – cantautori – ormai classici - come Fabrizio De André, Francesco Guccini o Bob Dylan che hanno saputo creare, in molti brani, una fusione perfetta tra melodia e testo poetico: li considero infatti #poeti.

Oltre a quello trattato nel suo libro, quali altri generi letterari predilige?
• Confesso: amo il vituperato genere fantasy se di qualità, tipo il ciclo di Avalon di Marion Zimmer Bradley o le narrazioni mitografiche di Tolkien… mi sembrano la versione contemporanea della fiabe. Un po’ come i romanzi di science fiction: fiabe proiettate nel futuro.
Non sopporto la saga familiare, anche perché sono in troppi a cimentarsi in questo genere, senza avere il talento di Thomas Mann con i suoi “Buddenbrook”. Amo la satira socio-antropologica e la letteratura impegnata (Brecht, Pasolini). Dei giallisti, solo Camilleri e Mario Quattrucci.

Preferisce il libro tradizionale cartaceo o quello digitale?
• Meglio leggere un libro digitale che non leggere affatto! Anche se il libro digitale non potrà mai essere una presenza amica che trasmette il calore del libro cartaceo. Il libro tradizionale è qualcosa di vivo: ha un odore, un suono (sfogliandone le pagine), subisce, col tempo, un processo di trasformazione ingiallendo… Comunque riconosco che il digitale, ormai alla portata di tutti e a basso costo, può contribuire alla diffusione di un’opera… E l’e-book si può anche stampare … benché, difficilmente, avrà il fascino di un libro ‘vissuto’

Per terminare, qual è stato il suo rapporto con la scrittura, durante la composizione del libro.
• Totale, come con tutti i miei libri… Il che significa anche la rinuncia a buona parte della vita sociale e a molte distrazioni e svaghi: senza la dovuta concentrazione non si ottengono risultati di un certo spessore qualitativo. D’altronde, il lavoro dello scrittore è, da sempre, un lavoro prevalentemente solitario.

Un motivo per cui lei comprerebbe “Viandanzando” se non lo avesse scritto.
• Mi sentirei incuriosita e attratta dal titolo e dall’immagine di copertina con le ampie ansie, per l’appunto ‘danzanti’, dei sentieri della Foresta Nera…

Ha in progetto altre opere da scrivere nel prossimo futuro? In caso affermativo, può darcene una anticipazione?
• Ho diversi manoscritti nel cassetto, ma sono ancora incerta su quale pubblicare per primo… per cui preferisco fare a meno d’ogni anticipazione.

> Ordina il libro "Viandanzando" di #IsabellaHorn
Il libro è acquistabile, previa ordinazione, presso qualsiasi libreria
Collana "Gli Emersi - Poesia"
pp.64 €12.00
ISBN 978-88-591-7734-0
Il libro è disponibile anche in versione e-book
Clicca qui per acquistarlo su IBS:
https://www.ibs.it/viandanzando-libro.../e/9788859177340

Seguici su Facebook
www.facebook.com/alettieditore

e su Twitter
www.twitter.com/alettieditore

Visita il nostro Canale Youtube
www.youtube.com/alettieditorechannel
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti