Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18481

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Isabella Horn, Il canto del covid, Aletti Editore, 2021, pp. 49, 12,00. Recensione a cura di Vincenzo Guarracino, pubblicata sulla rivista on-line "Fermenti".

di Rassegna Stampa

Isabella Horn, Il canto del covid, Aletti Editore, 2021, pp. 49, € 12,00. Recensione a cura di Vincenzo Guarracino, pubblicata sulla rivista on-line "Fermenti".

“Terribile ed awfull è la potenza del riso; chi ha il coraggio di ridere, è padrone degli altri, come chi ha il coraggio di morire”.
Sarà poi vero? Se non fosse che a dirlo è Leopardi (cfr. Zibaldone, 4391, ripreso anche nei Pensieri: “Chi ha coraggio di ridere, è padrone del mondo”, LXXVIII), io francamente ne dubiterei. Ma tant’è. Sono gli stessi spiriti che ritrovo in un librino di poesie, Il canto del Covid, smilzo di pagine ma denso di sentire, di un’autrice, Isabella Horn, nata in Germania ma vivente in Italia, dove si applica a traduzioni e studi filologici quanto mai difficili e impegnativi (come quelli sulla traduzione tedesca da "Fermenti" n. 253 (2022)
Fermenti 243 del romanzo Horcynus Orca di Stefano D’Arrigo, 2015), senza trascurare gli otia della poesia (una diecina di raccolte, edite tutte Aletti, tra cui Ballate dei sudditi felici, 2018, oltre al qui presente Canto del Covid).

Ho citato, tra i tanti titoli, Ballate dei sudditi felici, pur non avendolo letto (ma solo perché ne ignoravo incolpevolmente l’esistenza), perché mi sembra che abbia in comune con Il canto del Covid, di cui si parla, comuni spiriti satirici, rinforzati sul tema da un’enigmatica e inquietante al suo solito immagine in copertina di Stefano Lanuzza, il tutto perfettamente in linea con i sentimenti leopardiani di cui nell’opera del Recanatese ci sono abbondanti indizi e testimonianze, se non nella famosa Palinodia a Gino Capponi, nei sulfurei, “terribili” davvero (il giudizio è del Gioberti), Paralipomeni alla Batracomiomachia, dominati da un insuperabile e insuperato spirito da “malpensante”.

Il canto del Covid, dunque: eccone l’incipit come nei proemi di un antico poema epico o cavalleresco, salvo che qui si tratta di un medioevale Triumphus Mortis:

“Canta, canticchia, assolato balcone, / canta che ti passa...”. C’è tutta l’ironia possibile di chi sente perfino l’inconfessabile (da parte di tanti poeti anfetaminici che scrutano, falsamente, fantasmi metropolitani...) inutilità della #poesia: “canta che ti passa”, come dire che non c’è rimedio al tempo “sospeso, / offeso, arreso” alla Prigionia esposta onomasticamente nel titolo e diffusa, essa sì, come vera pandemia dei sentimenti e dei rapporti, dove l’invito al “sonno” michelangiolescamente “salvezza” e “oblio”.

È in questa linea di amaro sarcasmo che procede tutto il poemetto (è lecito chiamarlo così?) nei suoi 16 canti, dopo l’incipit appena citato: dopo l’allusivo Ballo di san Virus (“Sta passando il Virus: fate largo, largo al Virus!) e il grottesco del Ballo in mascherina (con l’esaltazione del “carnevale virale” e le “mascherine” da “sfoggiare al ballo per strade e piazze in festa”), entrambi con movenze che riecheggiano irridentemente le “canzoni a ballo” quattrocentesche
(Lorenzo e Poliziano) e secentesche (Redi), ecco campeggiare Lui, il Covid, in tutte le salse, tra Litanie, Elogi, perfino Interviste e Ritratti, fino alla sua celebrazione e incoronazione a Imperator Mundi, come una sorta di redivivo Stupor Mundi di cui sembra aver ereditato le prerogative come “re e padrone” di tutto, uomini e cose, vittime senza scampo dell’”infernale motore dell’ingranaggio / pandemico”. (Vincenzo Guarracino)

da "Fermenti" n. 253 (2022)
https://www.librerie.coop/libri/9788836171941-limmaginazione-330-manni/


Collana "Gli Emersi - #Poesia"
pp.52 €12.00
ISBN 978-88-591-7203-1
Il libro è disponibile anche in versione e-book
Il libro è acquistabile, previa ordinazione, presso qualsiasi libreria
Clicca qui per acquistarlo su IBS:
https://www.ibs.it/canto-del-covid-libro-isabella-horn/e/9788859172031
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti
Non sono presenti notizie riguardanti questa opera.