Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 19684

-



VII PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE AL FEMMINILE

MARIA CUMANI QUASIMODO

SCADENZA
28 APRILE 2023

 

 



 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Giuseppe Aletti
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

I versi di "1 Gennaio", lirica del poeta Giuseppe Aletti, inaugurano il nuovo "Paese della Poesia" ad Augusta - Da "Il Federiciano" XV edizione -

di Giuseppe Aletti

I versi del poeta Giuseppe Aletti inaugurano il nuovo Paese della Poesia ad Augusta

C'è anche una poesia del maestro Giuseppe Aletti - poeta calabrese, originario di Rocca Imperiale, noto all'estero, soprattutto in Georgia e nei Paesi arabi come Marocco, Egitto, Iran, dove le sue opere sono disponibili nelle rispettive lingue - nell'antologia poetica a cielo aperto inaugurata durante la quindicesima edizione del festival "Il Federiciano", che si è tenuto per la prima volta ad Augusta.
I versi sono quelli della poesia "1 Gennaio", una lirica sui nuovi inizi e sulla necessità di lasciarsi il passato alle spalle per intraprendere nuovi percorsi, e che ben si prestano per il cambio di rotta del festival poetico "Il Federiciano" che, dopo ben quattordici edizioni, ha lasciato la terra di Calabria per approdare in Sicilia.

La stele è stata inaugurata di fronte ad un pubblico di circa 1500 persone, che hanno partecipato ad un'edizione da record. Molte provenienti da diverse regioni d'Italia, anche dall'estero, di cui 500 erano poeti.
Oltre 4.800 gli iscritti, più di 9.000 composizioni, e il pieno delle strutture ricettive anche nella città di Augusta, che già di per sé conta oltre 34.000 abitanti.

Con la poesia del fondatore del premio Giuseppe Aletti, per la prima volta su una stele, insieme a quella di Salvatore Quasimodo "Alla nuova luna", poesia religiosa che celebra l'intelligenza del genere umano, e "A Dio" di Hafez Haidar, sull'importanza di scorgere l'Assoluto nella realtà, si è voluto dare un forte segno di riconoscimento alla nascita del Paese della Poesia nella nuova città federiciana, fondata nel 1232 proprio da Federico II, emblematica figura a cui è dedicato il concorso.

Unico neo, di un'edizione entusiasmante delle nuove "prime volte" che ha rinvigorito lo spirito festivaliero del festival, nato nel lontano 2009, è stata l'assenza di Aletti, costretto da un grave infortunio a seguire il festival a distanza, senza tuttavia far venire meno il suo apporto.
«Oggi non potrò essere con voi» sono state le prime parole della nota diffusa su Facebook dal maestro per informare il pubblico della sua presenza da lontano. «Per la prima volta dopo 15 anni non potrò inaugurare le nuove stele poetiche nella suggestiva città di Augusta. Il grave incidente subìto mi ha costretto a un delicato intervento chirurgico».
Il maestro, che ora ha lasciato la clinica, ritornerà quanto prima ad Augusta, per apprezzare dal vivo i risultati materiali del festival, concretizzati nelle pregiate stele che arredano il centro storico, realizzate dal maestro Orazio Costanzo.

«Il Federiciano continua ad essere la manifestazione più innovativa in ambito poetico in Italia, capace di dare un nuovo slancio al territorio che lo ospita. Certamente non basta un’unica edizione per caratterizzare il luogo e renderlo riconoscibile agli occhi del viaggiatore. Tuttavia il seme è stato depositato», ha poi commentato soddisfatto alla chiusura del festival.

L'ottimo risultato della rassegna è stato enfatizzato con orgoglio anche dall'amministrazione comunale, dal sindaco Giuseppe Di Mare e dall'assessore Giuseppe Carrabino, che, oltre ad aver patrocinato il premio, hanno voluto ricordare la straordinarietà dell'evento dedicandogli la via che lo ha ospitato. Con apposita delibera di pochi giorni fa, la Giunta comunale ha così attribuito la denominazione “Largo dei Poeti Federiciani” all’area adiacente la chiesa di Maria Santissima Annunziata, che custodisce le sei stele poetiche, dove sono presenti anche le poesie dei vincitori del concorso "Il Federiciano": ovvero, di Cosimo Marulli, Laura Cecchetto, Francesco Schettini, Monica Calabrese, Angela Potenza e Luca Birettoni.



Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti