Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16152

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

PRESENTATO “IL GIARDINO DI DIDA” - LA POETESSA ANNA MARIA ALGIERI SI CIMENTA CON SUCCESSO ANCHE NELLA PROSA

di Rassegna Stampa

Nel suggestivo Palazzo Sanseverino-Falcone di Acri (CS), antica residenza di principi e nobili, oggi sede del Museo di Arte Contemporanea “Silvio Vigliaturo” e del Consiglio Comunale, la poetessa Anna Maria Algieri ha presentato, il 10 Agosto 2011, il suo libro dal titolo “Il giardino di Dida” (“Le sette fantasie”).
Nella stessa occasione, quasi a fare da cornice alla manifestazione (che si è svolta sotto il patrocinio dell’Assessorato alla P. I. e Cultura del Comune di Acri, della “Fondazione V. Padula”, della Pro Loco e della BCC Mediocrati), il pittore Domenico Intrieri ha esposto alcuni suoi quadri, attraverso i quali è riuscito a riportare alla luce il borgo antico di Acri, il medesimo decantato con note di nostalgico affetto e tenace attaccamento da Anna Maria Algieri in tante delle sue composizioni poetiche.
A presentare “Il giardino di Dida” è stata Gaetana Falcone, perfetta coordinatrice della manifestazione, alla quale hanno dato il loro valido e prezioso contributo, con interventi sull’opera appena edita e sulla personalità umana ed artistica della sua autrice, il sindaco di Acri Sen. Gino Trematerra, il glottologo, scrittore e saggista Rinaldo Longo, la scrittrice, saggista e giornalista Luisiana Ruggieri, lo storico e saggista, oltre che Direttore del periodico “Confronto”, Giuseppe Abbruzzo, e Mons. Luigi Renzo, Vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea.
“Il giardino di Dida”, edito da Aletti Editore, è costituito da sette fantastici racconti: 1) Mamma Rosa; 2) Riccioli d’oro; 3) Le mie bambole; 4) Al crepuscolo della Pasquetta; 5) Lo sguardo innocente; 6) Il giardino di Dida; 7) L’amore impossibile.
L’opera può essere considerata una sorta di viaggio “poetico”, tra il fantastico e l’autobiografico, col quale l’autrice, attraverso gli occhi di una bambina, riesce a fare un’analisi approfondita della sua infanzia, e a riportare alla luce, in un magico mondo di favole, affetti familiari, religiosità, spiritualità francescana, false illusioni, amore per l’umano e il divino.
La raccolta non ha un ampio repertorio: ogni testo è costituito da una cinquantina di righe, mentre “Il giardino di Dida”, che dà il titolo all’opera, ne contiene centosessanta.
L’introduzione è stata ampiamente curata dal prof. Rinaldo Longo: si tratta di una scritto del 1999, anno in cui la poetessa si rivolse a lui per la prima volta per fargli visionare le sue bozze. A distanza di anni l’opera è stata pubblicata con la medesima recensione critica.
Nell’introduzione, tra l’altro, si legge: “Sono componimenti agili di facile lettura, componimenti che, non nascondo, mi hanno incuriosito abbastanza, spingendomi ad un’analisi dei loro contenuti e della loro struttura. Si tratta di una lettura in cui si è reso obbligatorio l’ausilio di quella precisa lente che è attivata dalla considerazione che la psiche è struttura come il linguaggio e che, quindi, analizzando le strutture del linguaggio si potrebbe pervenire a quelle della mente. Dico si potrebbe, perché le strutture (microstrutture e macrostrutture) del linguaggio sono elementi con i quali l’uomo compie un misterioso ed avventuroso viaggio su una lama di rasoio, cioè egli cerca di scavalcare un muro abbastanza spesso, la cui sommità è coperta di cocci di vetro (volendo ricorrere ad una reminiscenza montaliana). Non si dimentichi poi che il significante è mentitore e non può quindi essere con certezza l’avallo di alcun discorso che per diritto trasmetta la verità.”
Al termine della manifestazione, alla quale ha preso parte un pubblico attento e partecipe, Anna Maria Algieri ha festeggiato la “nascita” del nuovo libro, insieme ad amici e parenti, con una serata mondana in un accogliente locale di Acri.

Luisiana Ruggieri


Continua a seguirci su facebook al seguente link
http://www.facebook.com/alettieditore
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti